Pubblicata il 22/09/2006
Chi lo sà se esiste un destino
se il suo saggio è già stato stilato
dal primo all'ultimo respiro.

Oh, se la nostra esistenza
e solo un disegno che muta forma
secondo i colori dei nostri desideri sospirati.

Si svela solo
la consapevolezza del respiro

corto e lievo quando i passi son muti
stretti nel suo vivere a malincuore

continuo e pieno quando i passi son liberi
di valorizzare ogni sua sfumatura.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

è significativo ciò che scrivi, d'una spiccata riflessione degna di tributi...nella segretezza dei piani del futuro, ci assiste sempre la fonte del nostro io, l'essere che dilata il suo cammino a seconda di come il cuore lo assiste...brava nadi,fra

il 22/09/2006 alle 22:49

Il soffio della vita è il nostro andare incontro ad essa con passi diversi, a secondo delle strade in pianura o degli aspri dossi.
Seguire il respiro è ciò che regala dignità alla persona, non lo svilisce dalla sua natura di uomo, ma lo rafforza nel coraggio e nel desiderio di speranza.
Una lirica profonda la tua, che nasce dalla tua piena consapevolezza di donna.
Un caro bacio, mati.

il 22/09/2006 alle 23:57

La vita è come cera e sono le abili, crudeli e avolte benevoli, mani del destino a plasmarla a suo piacimento anche se spesso noi gli forniamo la materia prima. Poesia che indaga nel pensiero faticando a trovar risposte adeguate. Molto molto bella.
Un ciao grande grande
Cesarorso

il 23/09/2006 alle 08:08

Il tuo è un commento degno di una persona che sa dilatare il proprio cammino con tutta la nobiltà e l'amore che contiene. un abbraccio nadia

il 23/09/2006 alle 15:32

Grazie mati, mi hai regalato un soffio di vita di genorisità e forza un caro bacio anche a te

il 23/09/2006 alle 15:46

E un intreccio di pensieri che portano poi ad osservarci meglio dentro.. grazie del commento delizioso degno di un orso Un abbraccio nadia

il 23/09/2006 alle 15:50