Pubblicata il 21/05/2002

Solo e disperato...
lontano dal mondo...
vivi chiuso in una stanza...
la gola stretta da una morsa...
le parole escono confuse...
i tuoi occhi hanno perso lucentezza...
il tuo respiro è affannoso...
le mani non rispondono ai tuoi comandi...
a tratti i ricordi si affollano...
il tuo male è dentro di te...
non esiste il tempo...
sentimenti annebbiati...
Ti chiudi in posizione fetale,
piangi,urli,aggredisci,soffri,
vorresti morire.
Sei giovane e bello
come lo era Pheba il fenicio,
stai soccombendo anche tu.
Erano poche bianche pastiglie,
hai venduto loro la tua vita.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Rapida e intensa. Ciao Andrea

il 21/05/2002 alle 14:36

E' davvero molto intensa, sentita, triste, ed al contempo è anche visiva, coinvolgente.

il 22/05/2002 alle 20:47