Pubblicata il 12/09/2006

Ehi tu, senti qua.

Bevevo il caffè in quel tavolo bianco
a lunghi sorsi come fosse nettare di vita
mentre m'arriva il messaggio di buongiorno
di un piccolo Angelo tratto da un film di Cameron Crowe
non le rispondo, per fare il figo scrittore di periferia
tanto stupido e prevenuto ero.

E dopo un breve viaggio con la mia vespa bianca
per arrivare in ufficio
mi scrive che sta bevendo un Dave41
in quel locale nero di città,
assorta nei suoi pensieri da bambina,
e cosa fa? me lo scrive.

E io che faccio? le rispondo.
Sono seduto davanti a tanti tasti bianchi
con lettere e simboli da unire con dita bianche
nella composizione d'un testo alla svacco
tanta è la serenità che un buongiorno può dare
facendo di piccole ore un giorno intero.

Ehi tu, non è magnifico?


  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

IL valore di piccoli gesti è davvero magnifico.
Giungono inaspettati e danno gioia improvvisa.
Un saluto, mati.

il 12/09/2006 alle 22:27