Pubblicata il 13/07/2006
Le anime morte

Persi ogni mio avere
imparando
a trapassare
porte chiuse
e divenni
anima morta.
Una sola estate
durò il mio canto
di cicala
che blatera
sotto l’influenza
dell’afa.
Mi permise di dirle
ogni cosa:
tutto ciò che provavo
per lei;
salvo poi ritrarsi
ché i morti
non parlano ai vivi
o questi non ascoltano.
Persi il fiato
ed il lume
dei miei occhi:
anima morta
venduta al possidente
come fumo che passa
e non resta
in alcun luogo.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Le anime morte..non parlano..non scrivono..non hanno emozioni..ma però hanno qualcosa dentro..che vogliono far uscire fuori..lascia defluire la tua anima..non sempre è facile..ma si può...basta avere coscenza di essa..Dai Nino..so che ancora c'è qualcosa..lì dentro..magari nascosta in fondo in fondo..non lasciare che muoia del tutto..un kiss kiss..>Lory

il 13/07/2006 alle 16:57

dolente

il 13/07/2006 alle 16:57

Le anime morte, pagano comunque le tasse e le imposte( scherzo) era solo un tributo a Gogol.

il 14/07/2006 alle 08:27