Utente eliminato
Pubblicata il 08/07/2006
Era ‘na ninfa. Er nome suo? Chelone.
Lassate le sorelle drento ar mare,
annò a abbità da sola un casolare,
vivenno in modo liscio e pacioccone.
Je sfaciolava de nun sta a fa’ gnente.
Passava le giornate sur frangente

indove casa aveva frabbicato.
Pijava er sole e poi s’appisolava.
Già, casa e scojo. Lei cusì campava.
Quanno che fu a l’Olimpo organizzato
er matrimogno intra Giove e Giunone,
de Dìi a ‘sta festa c’ereno un vagone.

Mancava solo lei, per questo Giove
mannò Mercurio a daje ‘na sbirciata.
Lui la trovò paciosa, indaffarata
a pettinàsse, a fa’ le ciocche nòve.
- Te vòi sbriga? C’è Giove che t’aspetta! -
E lei je fa: - Co’ carma, Ermé, n’ c’è fretta.

S’arivo tardi, mbeh, che sarà mai?
Inerzia e Quiete so l’amiche mia.
Tu ner tramente te ne pòi annà via.
Io so’ ‘na moncia e questo ce lo sai. -
Mercurio allora s’inquietò sur serio
e detto fatto fece un putiferio.

Co’ la su’ verga maggica la casa,
assieme co’ Chelone, le sprofonna,
giù drento ar mare indove l’acqua è fonna.
Quanno argalleggia lei n’è perzuasa:
n’è più la bella ninfa d’una vorta
e c’è ‘na cosa strana che l’avvorta.

Venne ar monno accusì la tartaruga,
commoda, muta e brutta a piùnunposso
e co’ la casa appicicata addosso:
quella de mare e quella da lattuga
Ermete, l’indolenza de Chelone,
la medicò co’ questa punizzione.



lassate = lasciate
liscio = senza preoccupazioni
pacioccone = tranquillo
sfaciolà = far piacere
frangente = scoglio
frabbicato = fabbricato
un vagone = a iosa, moltissimi
paciosa = tranquilla, calma
sbrigasse = affrettarsi
ner tramente = nel frattempo
moncia = pigra, indolente
fasse persuaso = convincersi
commoda = lenta
piùnunposso = oltre ogni misura
medicò = punì

Pasquino da Todi II V MMVI
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Mi piace la tua vena umoristica.
Riuscitissima questa trasfigurazione in tartaruga.
La mia si è appena nascosta alla vista quotidiana, proprio per farsi i fatti suoi senza darne conto ad alcuno.
Ciao, mati.

il 09/07/2006 alle 11:54