PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 15/06/2006
Ogge è ‘na jurnata nova

Ogge è ‘na jurnata nova
vulesse j’ a truvà a mammà,
spero tanto ca nun chiove
o si no comme se fa.

Addò è ghiuta mo ‘e casa
ce sta sulo cielo apierto,
cu ‘o profumo d’’e mimose
però essa sta ô cupierto.

Nu viale ‘e urmetelle,
e de cércole addirose,
songhe tanti casarelle
ca me pareno pertose.

Tutte rose attuorno attuorno
e giardine culurate,
sta esposta a miezz’juorne
ma è nu poco ventecato.

Si nun fosse p’ ‘o cipresso
e pecchè me vene ‘o chianto,
mamma mia nun ce paresse
ca sta ‘e casa ô campusanto.

------ traduzione-----
Oggi è un giorno nuovo, vorrei andare a trovare mamma.
Spero tanto che non piova altrimenti come si fa.
Dove è andata ad abitare è un posto all’aperto,
con il profumo di mimosa, però lei è al coperto.
Un viale di giovani olmi e di querce odorose,
sono tutte casette che mi sembrano buche.
Tutte rose intorno intorno e giardini colorati,
sta esposta a mezzogiorno ma è un po’ ventilato.
Se non fosse per il cipresso e perché mi vien da piangere,
mamma mia non sembrerebbe abitare al camposanto.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Dolcissima...grande sensibilità e amore Bella

il 15/06/2006 alle 16:19

Grazie del commento, è una poesia che nonostante
la rima ricercata, ho sentito molto. Ciao, Antonio

il 15/06/2006 alle 20:39

... abita dentro di te!!
dolce la poesia,
ciao!!

il 16/06/2006 alle 14:24

Grazie del commento, spero di aver espresso il mio
grande trasporto. Ciao, Antonio

il 16/06/2006 alle 23:19