Pubblicata il 13/05/2002
Ci pensero' domani


Che ne sanno i chicchi di melagrana
quanti alberi nasceranno,
che ne sanno le goccie di rugiada
quando la rosa morirà,
che ne sanno le silenziose lacrime
se piango di gioia,
finchè non sfiorano le mie labbra.
Mi rifletto ancora nei tuoi occhi chiusi
ed in un cielo capovolto.
M'immergo ottusa nel dolore, cerco un colore
in attesa della mia seconda vita
con sottile piacere raffino,
un improbabile quadro, di pochi toni
molte ombre
ma di buona prospettiva .

Affondo tra le righe in cerca
di parole d'aceto e torri d'apparenza,
nel torpore dell'indifferenza
percorro quest'ultimo tratto di finta salita
senza prendere fiato

allontanandomi quanto basta
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

... smettere i sentieri da altrui disegnati
e tracciare il proprio destino
non importa se migliore o meno...

... sarà il voluto destino...

una sola parola, BELLA

Airon

il 13/05/2002 alle 23:59

Sei un fenomeno, ma esisti davvero o ti sto sognando?
Baci. Fili.

il 05/08/2002 alle 12:33