Pubblicata il 12/05/2002
Ora so com’è scoprire di trovarsi
Invischiati nei giochi vani
Di un’inutile eterna catarsi

Ora apprezzo piaceri sovrumani
Per meglio bruciare la vita
Non sogno più di baciar le tue mani

Dopo averti amata e riverita
Forse ti avrei fatta mia?
Sono stanco di retorica trita!

Ora m’intendo di demagogia
E d’altri consimili piaceri
Come l’ineffabile talassocrazia

Che siano potenti e sinceri
Con ciò mi diverto, con questi ora godo!
E’ meglio un’azione di mille pensieri!

Oh, amore, ancora ti odo
Mi chiami indietro – ma non c’è speranza
Perché tu sei la colla ed io sono il chiodo
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)