PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 21/05/2006
Ho piegato le ore
Ultime dodici
Forzandole
Le ho piegate
- Stirando -
I secondi
I minuti
Infine le ore
Per conservarle
Lontano dal cuore
Le ho lavate
Fazzoletto sporco
Dagli angoli
Strappati
Come lembi di carne
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

le poesie son come le frittelle:
più ne fai e più vengono belle :-)
buona domenica

il 21/05/2006 alle 13:10

i tuoi commenti son come i piselli
più sono dolci e più sono belli..

il 21/05/2006 alle 13:42

Un uomo tuttofare, lavi, pieghi e stiri, beata tua moglie.
So che stai sorridendo, mati

il 21/05/2006 alle 14:05

romanticone-one-one

il 21/05/2006 alle 14:30

Hai usato lo stenditoio?A parte gli scherzi e' una poesia piena di sentimento.

il 21/05/2006 alle 19:21

Una "crono-poesia" dall'aspetto lievemente conturbante...m'è piaciuta..ciao fra

il 22/05/2006 alle 12:21

LE ULTIME DODICI ORE. BELLA POESIA MA UN PO SOFFERTA PAISA'. L'INESORABILE TEMPO E LE NOSTRE EMOZIONI.....QUESTE SI INFINITE. GIùGIù

il 22/05/2006 alle 21:58

alla Totò..
vitto alloggio e ..stiratura..
sto sorry ridendo...hahahha

il 22/05/2006 alle 22:45

one one....
ogni docici ore

il 22/05/2006 alle 22:46