Pubblicata il 19/05/2006
È vivo di richiami
il soffio scandito dalla notte
spande fumo nell’aria.

Risuona lento
il clavicembalo dei prati
muovo i passi
sull’erba punteggiata dai ricordi
vana è l’attesa.

Luce di candela
inganna il tempo
ritorno dietro i vetri appannati
a cercar del pensiero la sorgente.

Raccolgo tra le mani
voce di bruma
pietra di roccia
priva di canto.

Confusa da lucciole in tremore
a cui non so sfuggire
lego lo sguardo
a tristi occhi di luna
al sorriso sfumato di una stella.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Luce di candela
inganna il tempo
ritorno dietro i vetri appannati
a cercar del pensiero la sorgente.

Il passato che ritorna ...incerto
Mati...tu si che sei brava!

il 19/05/2006 alle 23:15

Si fa quel poco che si può, grazie carissima.
Un abbraccione al tuo essere SOLE di maggio, mati

il 19/05/2006 alle 23:27

La simbiosi tra il tuo animo e ciò che costeggia intorno a te, un unione solidissima tra regno del cuore e palcoscenico del passato, del presente, del futuro...mati sei "maestra" da cui possiam imparare solo cose utili al nostro percorso...ti abbraccio fra

il 19/05/2006 alle 23:30

Spesso capita che gli alunni diventino più bravi dei maestri e ciò è davvero una cosa magnifica.
Un abbraccio, mati

il 19/05/2006 alle 23:37

sensibile ed acuta interazione tra ambiente ed animo..introspettiva..e notturna..

il 19/05/2006 alle 23:45

Graditissimo commento, espresso bene come è tuo solito.
Un grazie di cuore, felice notte, mati

il 19/05/2006 alle 23:53

bella,
bella
bella
questa lirica che ti somiglia molto..

il 20/05/2006 alle 08:31

Come sempre sa di incanto il paesaggio che descrivi tu magistralmente...
E attraverso questo notturno ci porti ai tuoi ricordi sulle ali della fantasia...
Mati bravissima!!! Come sempre i tuoi versi mi coinvolgo emozionandomi!!
Un abbraccio
Antonia

il 20/05/2006 alle 08:44

la tua escursione notturna esalta la voce e la musica che nella nebbia arrivano sfiorando fili d'erba come una distesa di ricordi. Versi nostalgici che ammaliano.
Un abbraccio
Cesarorso

il 20/05/2006 alle 09:00

col clavicembalo
un minuetto,
danzare libellule
su notturni prati
di brume velati
da fate sognati...


sei splendida Mati!
smackkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk

il 20/05/2006 alle 10:35

Tristissimo - anche se soffuso di visioni fiabesche - test psicoanalitico al quale, quasi senza avvedersene, si autosottopone la nostra Autrice.
Ed il responso, è appunto drammaticamente triste.
In presenza di un presente che si trascina in una grigia quotidianità, la mente si attacca, si appella ai ricordi. Ma essi sono assenti, non rispondono alla chiamata, perché ormai troppo lontani, sfumati nelle nebbie del passato.
Ed il futuro?
L'Autrice non ne parla, pare che non abbia speranze.
Ma chi, può scommettere sul futuro?
Bella, introspettiva lirica dall'evidente valenza psicoanalitica, confezionata con le consuete maestria e leggerezza musicale, proprie della Nostra.
Voto massimo.

il 20/05/2006 alle 10:59

Leggere i tuoi commenti mi fa capire il senso dell'amicizia, seppur virtuale.
Conoscersi attraverso i versi ed apprezzarsi è davvero una bella esperienza.
Grazie, felice w.e. Mati

il 20/05/2006 alle 11:32

una poesia splendida, che riflette lo splendore del tuo essere nel saper cogliere ogni minimo particolare del tuo sentire, lasciando che la tristezza scivoli via attreversandola con il tuo sorriso un bacio nadia

il 20/05/2006 alle 11:32

Mati= bruma
Indovinato!
Ogni tanto però mi coglie il sole del sud ed allora via la bruma.... grazie del "bella" :-)

il 20/05/2006 alle 11:37

Il paesaggio è uno degli elementi che uso molto per rispecchiarvi le emozioni del mio sentire.
Sempre graditissimi i tuoi riscontri e il tuo costante affetto.
Felice giornata, un bacio, mati

il 20/05/2006 alle 11:41

Vado spesso a braccetto con Signora Nostalgia, la trovo una cara amica, insieme percorriamo i prati del tempo e ci sediamo sull'erba a sognare.
Grazie, abbraccio un orsodolce, mati

il 20/05/2006 alle 11:52

Giunge leggera la fatina lunare
e mi porta sui prati a danzare...
un bel rincorrersi di versi.
Mi diventi sempre più cara, Lù

il 20/05/2006 alle 15:49

Ulisse, col tuo potente raggio laser, penetri dentro i versi e formuli le sue acute riflessioni.
La poesia si presta a pensare a tutto ciò che hai magnificamente espresso, ma potrebbe anche avere risvolti diversi.
Talvolta i ricordi personali si bloccano perchè il cuore può avere una pena per qualche persona che soffre, per qualche stella che sta smarrendo il sorriso.
Se la poesia ti giunge con leggerezza musicale, nonostante la tristezza di fondo, è merito tuo che ne cogli un messaggio di speranza per il futuro.
Grazie, un abbraccio, mati

il 20/05/2006 alle 16:02

Questo sorriso che attraversa la tristezza vuole essere un atto di speranza, affinchè chi è preso dal dolore possa trovare almeno una luce che rischiari i passi della tribolazione.
A te vorrei dare maggiore testimonianza del mio affetto, so che quello che faccio è poca cosa.
Un abbraccio carissimo, mati

il 20/05/2006 alle 16:09

Commento breve ma fortemente incisivo.
Grazie, un abbraccio, mati

il 20/05/2006 alle 16:22

Malinconia e melodia sono due elementi che fusi insieme fanno una bella coppia, quindi gradisco il tuo commento.
Notte a te e felice domenica.
Corri al mare, vacci anche per me, un abbraccio, mati

il 20/05/2006 alle 23:37

....le tue poesie sono le uniche in grado di prendere vita e di vagare tra di noi, ci prendono per mano e ci conducono tra i versi carichi di magia e ricchi di sogni talmente reali da confondersi con la realtà
Maluan

il 21/05/2006 alle 03:23

Un commento davvero speciale il tuo, spero davvero di condurre qualcuno per mano verso un mondo migliore, anche se spesso è fatto di magia e fantasia.
Grazie, un abbraccio, mati

il 21/05/2006 alle 15:44

Eco di pensieri andati e gocce di parole intense.
Molto bella
Er

il 21/05/2006 alle 20:18

Commento che mi regala belle sensazioni, grazie, mati

il 21/05/2006 alle 22:15

melodia incantevole.
mati cara, leggerti è un vero piacere!

bacio pat

il 22/05/2006 alle 16:00

Pattina cara, onorata del tuo passaggio.
Grazie di cuore, un bacione al tuo cuore, mati

il 22/05/2006 alle 23:12