Pubblicata il 10/05/2002
Appese a coronar il letto mio
l’ultimo paio di scarpette rosa
sbiadite inermi in compagnia
di mille sogni della vita mia
l’’ultimo ballo, l’ultimo tutu’,
l’ultimo “Bel Danubio Blu”.

Vecchi costumi, antiche tradizioni
amore obbedienza e devozione
babbo mio la via mi avea spianata
e ancor fanciulla mi ritrovai gia’ maritata

O caro amato babbo perche’ mi chiedo
non accettasti il mio diniego
eppur sapevi che l’amore mio era la danza… e tu
tu, dicesti no ai miei tutu’

Appese a coronar il letto mio
l'ultimo paio di scarpette rosa
a ricordar quei giorni mai perduti
a ricordar quei sogni mai vissuti
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Ti dicevo via mail che m'è proprio piaciuta questa tua, il ricordo di bambina focalizzato in un paio di scarpette rosa, molto romantico e sfumato di rimpianto.
Ciao Betty!
Axel

il 14/05/2002 alle 10:53

Grazie Axel per "seguirmi" cosi' da vicino....Smack Betty

il 16/05/2002 alle 11:51

perche' mai non mi immagini?
Ho ballato sino all'eta' di 12 anni circa, ero bravissima... ricordo che un impresario della Scala disse a mio padre che ero nata per la danza...cosa che ancora oggi amo da morire.
Vorrei capire il perche' di questa tua affermazione.
Comunque sono contenta che la poesia ti sia piaciuta. Grazie per il commento. Kiss Betty

il 18/05/2002 alle 11:08