Pubblicata il 04/03/2006
Giri di chitarra
inghiottono silenzi
d'occhi verdeacqua
stranamente cupi.
D'un tratto quel sorriso
forse dolceamaro
tra fumi di parole
a volte non comprese.
qui tra le tue note
forse trovo chiave
di sbarre e di catene
con cui ti rinchiudi,
costruendo muri
che con pazienza abbatto
perchè ti vorrei nudo
a viverti te stesso.
E adesso questo accordo
mi riporta a ieri,
nude braccia calde
a smuovermi i sospiri,
la mia mano fredda
carezzare il dopo,
la tua voce roca
a battere fischiando
di questo ritmo il tempo.
Più di mille fatti
le sei canzoni in fila,
nota dopo nota
a dirmi ciò che sei,
raccontano i momenti
della tua stanza chiusa,
la chitarra e le tue mani
in un abbraccio fuse.
le ascolto e le riavvolgo,
gelosa nella mente
del tuo inatteso dono
di note e sinfonie.
Suono nelle orecchie
nel mio lontano letto,
ricordo che ho nel cuore
del nostro breve tempo.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

RACCONTANO I MOMENTI DELLA TUA STANZA CHIUSA...BEL VERSO...COME TUTTA LA POESIA.....FA MALE QUESTA ASIMMETRIA TRA IL DESIDERIO E LA REALTà...è UN IMPLODERE A VOLTE LA VITA....COL VOLERE AZZOPPATO DAL NON POTERE......SEI BRAVA!

UN ABBRACCIO IN MEZZO A QUESTO ASSURDA ESISTENZA CHE CI RENDE SOLI.....

il 04/03/2006 alle 15:43

Poesia che avanza col suo ritmo, ora lento di tristezza e solitudine, ora cadenzato dai colori del desiderio.
Bella a rileggerla più volte, come se si stesse a sentire la tua voce, un caro abbraccio, mati

il 04/03/2006 alle 16:35

Sebbene la poesia forse dim ostri il contrario, non è un sentimento di solitudine ciò che mi ha smossa......piuttosto commozione per un regalo che non mi aspettavo e malinconia per l'altrui impotenza di essere diverso da ciò che si è, l'avvertire nell'altro un sottile disagio nel vivere un carattere con piu ombre che luci........infine, malgrado le correnti ignote che forse allontanano, un dolce ricordo per ciò che ci si è dato reciprocamente, per un attimo tralasciando il futuro!!!!!!

ciao ale, un grande kiss!!!!!

il 04/03/2006 alle 16:44

è un breve racconto di una persona speciale, che forse non può darmi di più, a cui forse non posso dare di più..............ma comunque una persona che non voglio perdere comunque vada.................
grazie mati, un bacio.

il 04/03/2006 alle 16:48

Sai Daniela, ti vedo mentre, guardi e ascolti... e sopratutto sogni...
Molto emozionante il pensiero dell'altro, dove si mischia desiderio e comprensione di poter vivere solo attimi...
giri di chitarra, l'attimo è fotografato, è incantevole.
Grazie
Lou

il 06/03/2006 alle 14:33

grazie luigi d'essere sempre presente tra le mie righe. un abbraccio.

il 06/03/2006 alle 17:44