Pubblicata il 27/04/2002
Cosa non capisci?
Cosa non sei?
L'oppressione che tu senti
è anche la tua impotenza,il tuo scontro.
E anche se tu fuggissi
per obliare la tua rabbia
cosa non dimenticheresti?
Cosa ti potrebbe dimenticare?

Ti ho vista piangere
nella tua stanza stretta di libri
come piango io a volte.
Piangere per il mare
e per nient'altro.

E sono felice di vedere
che sei sempre tu.

Sei sempre tu che ridi
sempre tu che sogni
che fuggi,che lasci passare.
Sempre tu che te ne vai.
Che ritorni.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)