Pubblicata il 08/01/2006


Ti perderai
nella gelida brezza
del vano desiderio,
mio fragile sogno senza notte,
e senza vento t’alzerai
verso l’albore
che schiarirà le stelle del tuo destino.
Forse un sordo tuono al cuore
veglierà il tuo sonno
e con mani di seta
accudirà il pensiero
d’essere sogno
in tutti i suoi sogni.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

sei sul più bel punto d'osservazione...il sogno.
indefiniti desideri salgono la china come incerti viadanti i sogni.

il 09/01/2006 alle 15:32

Assai intensa Pirata. Mostri una chiara saggezza. Cosa ti è successo :-) Piaciuta.
Un abbraccio.
Max

il 09/01/2006 alle 18:43

mi piace il finale.
delicato.

il 09/01/2006 alle 19:22

bella, specialmente il verso in cui dice " accudirà il pensiero d'esser sogno" ciao Nadia

il 10/01/2006 alle 13:37

delicato e romanticissimo sogno...devo dire... per niente fragile se arrivato ad essere "fotografato" dalle tue scritte parole...
Piaciuta molto e riletta molto...
Un caro saluto
Hola
Marco

il 10/01/2006 alle 21:21

Magari diverrà forte e splendera di luce vera.
Tu nutrilo di speranza e ritornaci col pensiero, un abbraccio, mati

il 11/01/2006 alle 23:13

Ben ritrovato con questa poesia davvero splendida (era da tanto che non ti leggevo...)
Ciao,Antonio

il 13/01/2006 alle 19:16