Pubblicata il 25/04/2002
Animo gentile,
che nell'arsura dell’estate
mi tendi la mano
ricca di gocce argentee.
Refrigeri il mio volto accaldato,
doni alla mia bocca assetata
quell'acqua benefica,
che a lungo ho cercata.
Senza una parola mi guardi e sorridi,
prendi la mia mano...
e mi conduci verso luoghi
piacevolmente freschi,
dove il silenzio rilassa la mente.
Distesi sull'erba umida
nell'ombroso abbraccio degli alberi,
mi sussurri parole dolcissime
accarezzandomi teneramente i capelli.
Un raggio di sole filtra fra i rami
e avvolge i nostri corpi in un alone,
riflessi dorati intorno a noi
mentre le tue labbra si posano sulle mie.
Assaporo quei lunghi attimi
nell'incantesimo che si dissolve,
rigenerata dalle passioni dell'amore
lentamente torno verso casa.
Cos'è stato quel momento
che ha travolto i miei sentimenti?
Chiudo gli occhi...
ti rivedo...
forse sei solo un sogno...

Paola
11 ottobre 2001
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

I sogni aleggiano nella nostra fantasia, a volte si avverano...
Ciao Paola!
Axel

il 25/04/2002 alle 12:56

Si, é vero! Forse, però, é meglio se rimangono nella mia fantasia così posso illudermi e, ispirandomi, proseguire a scrivere.
Un caro saluto e grazie!
Paola

il 25/04/2002 alle 14:54

Il sogno è la realtà che vorremmo,che ci viene elargita spicchi.Sei riuscita a ricostruire scenari da favola,che scaturiscono da spicchi della tua vita,in un mondo che ha perso la favola della passione.

il 07/05/2002 alle 10:10

Come sei poetico anche nei commenti!!!

il 11/05/2002 alle 00:27

I sogni... credo che prima o poi tutti noi ne parliamo nei nostri versi!! ciao Andrea

il 18/05/2002 alle 11:59

Forse io ne ho troppi! ciao

il 18/05/2002 alle 15:02