Fango.

Fango.
Pubblicata da PoeticHouse Venerdì, 2 di Dicembre del 2005

Vaga leggera una sottile inquietudine, un abbraccio, mati

il 02/12/2005 alle 23:36

l'inquietudine che viene dal non sapere quando la mia acqua sarà rimescolata alla terra....mare....

il 03/12/2005 alle 21:13

Emozionante, da gelare il sangue! Hai molto da raccontarci e da mostrarci... vero Mare? ti abbraccio!

il 04/12/2005 alle 04:13

No mare non era fango ma polvere...eppure...eppure è così, hai perfettamente ragione, non può essere solo polvere, ché la polvere si deposita e basta. La caducità della vita e più pastosa, ed impantana di emozioni e paure...quindi acqua e terra, fango che immobilzza e incrostra. Eppure i fanghi fanno ben ricordi? lo rammentano tutti i naturalisti...probabilmente un modo per ricordarci quanto siamo fragili.
PS: ascolta me lo fai un favore? avvisami quando scrivi, odio perdermi cose così intense e questa stava per sfuggirmi..Baci

il 04/12/2005 alle 11:19

come tutti yadrin, la vita di ognuno è racconto e poesia ...anche tu hai spessore, e non mi sbaglio...mare...

il 04/12/2005 alle 13:37

la polvere se la porta il vento, ma se si posa sul fango allora viene messa nella grande rimacina che è energia e tutto si trasforma....quello siamo noi...lyedra sei cosa grande....mare...

il 04/12/2005 alle 13:39

Il non sapere il quando e il se...
l'inquietante attesa della precarietà...
mare, ora è passato. Sorridiamoci insieme...
Mene.

il 04/12/2005 alle 13:44

ora si.....mare...

il 04/12/2005 alle 13:45
Questo mischiare l’acqua
Con la terra....
Mi ricorda la caducità
della mia vita.


  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)