Pubblicata il 26/11/2005
Eppure resto ancora qui
ad ascoltare sempre le stesse note,
le note di un cuore affranto,
ma dal battito innamorato.
Le note di un sangue malato,
ma dal gusto dolce e un po' sereno.

Eppure rimango ancora me stesso
con le mie parole sempre imprecise,
parole dai ricordi macchiati,
ma dai contorni definiti.
Parole di un profondo apparente,
ma dalla forma ricercata e un po' dandy.

Eppure qui,
tra note e parole
vivo la mia esistenza,
assieme a pagine e lacrime
per provare a definiere meglio
il mio Incerto futuro.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

note e parole sono anche l'essenza della mia vita, che senso avrebbe altrimenti?..per il futuro...c'è tempo....mare...

il 27/11/2005 alle 08:41