Pubblicata il 23/11/2005
Don Peppe "'a biarella "
meccanico 'e carrette
chiudeva 'a putechella
a sera doppo 'e sette.

'a capa 'e 'n inventore
e 'na cervella sciacqua
mastriaje nu mutore
che gghieva sulo a'acqua.

Cu nu carburatore
e batterie perute
muvette 'nu trattore
a coppa a nu minuto.

Pecchè pe' carburante
usaie 'na miscela
da ll'acqua e 'a currente
che gghieva 'a 'na cannela.

E quanno costruette
'a machina finale
a tutte ce 'o scrivette
'e fabbriche mundiale.


'On Peppe "'a biarella "
nun l'hanno cchiù truvato
forze 'stu muturiello
qualcuno ha sfruculiato

e comme a 'n angiulillo
'ncielo sarrà vulato
dint'a 'na nuvulella
'e aria avvelenata

traduzione----
Don Peppe " 'a biarella", meccanico di catorci
chiudeva la bottega la sera dopo le sette.
La testa da inventore ed un cervello vuoto
arrabattò un motore che andava solo ad acqua.
Con un carburatore e batterie ossidate
fece muovere un trattore per oltre un minuto.
Perché per carburante usò una miscela
dall’ acqua e la corrente che andava a una candela.
E quando costruì il prototipo finale
a tutte glielo scrisse le fabbriche mondiali.

Don Peppe "'a biarella" non è stato più trovato
forse questo motore ha dato fastidio a qualcuno
e come un angelo sarà volato in cielo
in una nuvola di aria avvelenata.



  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

sei sempre uno spettacolo antonio, i miei complimenti ....mare...

il 24/11/2005 alle 06:26

E' un piacere leggere i commenti che ti vengono fatti, la stoffa la sanno riconoscere tutti, direi.
Hai utilizzato più stili in questa poesia, dando cmq un risultato efficace,
complimenti,
kis, luna

il 24/11/2005 alle 09:14

Un complimento tuo è...un COMPLIMENTO.
Ciao, Antonio Covino

il 24/11/2005 alle 22:14

Volevo scrivere una storia che parla dell'invenzione
della macchina ad acqua, ci sono riuscito per metà.
Ciao, Antonio Covino

il 24/11/2005 alle 22:16

Ho scritto questa poesia volendo far trasparire
il messaggio che, da parte di qualcuno, non
c'è la volonta di lottare per la salvezza
del pianeta. Un bacio, Antonio

il 24/11/2005 alle 22:18

Grazie Stefano, molto graditi i tuoi complimenti.
Ciao, Antonio

il 25/11/2005 alle 21:31

Leggerla in dialetto è una goduria, anche se il finale è triste, complimentoni, mati

il 25/11/2005 alle 23:00