Pubblicata il 22/11/2005

Non so se conosco
abbastanza il mare
per poter naufragare
nei suoi arcani flutti
e disperdere le spoglie inerti
nelle insanabili spume d’onda.

Cercar quiete in ogni dove
e senza meta,
ambire al fondo spietato
ed ignoto d’ogni emozione
nella speranza vana che plachi
l’arsura del sapere.

Innalzo vele
in condizione estrema
per poter naufragare
nei suoi arcani flutti
e tiepido il fluido scende in gola
a dissipare il sale accumulato
e sciogliere il groviglio affannato
che risiede nell’anima.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Molto bella. Una splendida descrizione del mare.......interiore.

il 22/11/2005 alle 16:49

grazie Elaine per averti trovato nelle mie stroe.
M'

il 23/11/2005 alle 21:31

non bisogna mai essere sicuri di conoscere abbastanza ciò che abbiamo sottto mano ogni giorno.
Ascoltare, prestarsi ed essere solidali...ecco il segreto.
Ti abbraccio mia cara!!!
M'

il 23/11/2005 alle 21:32

è un mare d'affetto quello che ti regalo mia dolcissima...mammina!!!!
;-)
M'

il 23/11/2005 alle 21:33

Voglia di conoscenza tra le profondità degli abissi marini dove si possa trovare l'intima essenza di sè e rigenerarsi a nuove sensazioni.
Versi dedicati a quel mare che fa parte di te, salutone, mati

il 23/11/2005 alle 22:01

il mare è cosa assai semplice se ne cogli il respiro...mare...

il 28/11/2005 alle 09:44