Pubblicata il 09/04/2002
Sei tiranno nelle vene
Se pascoli fobie
Di entità nulle e
Vedi sangue in quei ruscelli
Se sgozzi allucinato
Quei chimici crepuscoli e
Altezzosi .
Giammai langue speme
Quand’anche dentro piove
E resti magro di riverbero
Proiettandoti in contorsioni
Anemiche.
Siedi nel mio nucleo
Più recondito e occulto
Ma ignori.E stringi
Di amuleti un pugno.
Effimeri . Sempre.




  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)