Pubblicata il 25/06/2001
Una nuova vita si muove in me
timorosa ma impaziente di venire al mondo.
ma se oggi nascesse che mondo troverebbe
ad accorglierla?

un mondo freddo,insensibile,
un padrone spietato che la accudirebbe
per poi sfruttarla,
nascerebbe fra l'indifferenza della gente,
cullata dalla falsità
e nutrita dall'odio.

ormai sono la sola a volerla tenere in me,
tutti sono scappati via lontano,
ma la notte nel buio il suo calore mi conforta.

Non posso sapere se questa è la cosa giusta,
ne se riuscirò a proteggerla dal mondo,
ma una cosa la so: crescerà nutrita dal mio amore
sincero e infinito fino a che non imparerà
a combattere da sola in questo mondo fittizzio.

  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Intenso grido di dolore e speranza contemporaneamente! Si attenui il grido di sofferenza: il mondo, la vita non è poi così brutta come può sembrare, tutti abbiamo la possibilità di esaltarli nel giusto modo coi nostri cambiamenti positivi. ciao francesco

il 16/07/2001 alle 05:51