Pubblicata il 19/04/2005
A volte affidiamo
Alle parole
L'improbabile compito
Di raccontare
Cosa si nasconde
In quel
Mare profondo
Dei nostri pensieri
Dietro alla luce
A volte improvvisa
Generata dai
Nostri sentimenti.
E se a causa
Di una qualche
Fortuita alchimia
A volte
Riusciamo ad emozionare
Il gentile pubblico presente
Con il nostro lavoro
Di pessimi attori
E improbabili poeti
Allora
Non saranno stati vani
I nostri amori perduti
Le notti passate insonni
E le aspirine del giorno dopo.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Bravo poeta che hai descritto "il poeta".
Complimenti, Antonio

il 19/04/2005 alle 22:01

Se suscitare emozioni può. a sua volta suscitare emozioni, ben vengano le aspirine, a vagoni.
Bravissimo
M.Teresa

il 19/04/2005 alle 23:00

Accetto di buon grado i tuoi immeritati complimenti... Ciao... JJ

il 19/04/2005 alle 23:04

Beh, si può sempre fare un contratto con la Bayer, suppongo... Grazie e Ciao... JJ

il 19/04/2005 alle 23:06