Pubblicata il 25/03/2005


Di certe vigilie ricordo

quando il viola aveva un senso

e sulle scarpe e sulla divisa

di piccola e media misura

pioveva

e si passava dalle maniche lunghe a quelle corte

e delle chiese cupe e dell’assenza della musica e

della gioia

di suor Celestina e delle nostre preghiere

della zuppa schifosa che mi sembrava buona

di mia sorella e della sua inappetenza

e delle cure ricostituenti a primavera

delle ombre sui muri di sera

e degli alberi di limoni nel giardino recintato dalle

suore

dei tanti “fioretti” da fare per la Settimana Santa

e di come poi Pasqua non ci sembra diversa

a parte l’arrivo delle rondini.



OLIMPIA


  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Lievemente nostalgica.
Buona Pasqua Olimpia!

il 25/03/2005 alle 18:49