Utente eliminato
Pubblicata il 17/03/2002
Seduta sotto ad un albero
ascolto
gli uccellini cinguettare,
le api ronzare,
ma il mio cuore tace
la mia anima tace.

Vorrei alzarmi in volo.
Vorrei andare lontano
ma non ne ho la forza
nè la volontà
e resto seduta
immobile.

La natura non mi assorbe:
non sono un fiore,
non sono un animale
non sono vento
o pioggia....
sono solo una donna
che ha perso la strada,
il senso delle cose...
una donna
che ha sofferto tanto
..una donna
che ha amato tanto
e che ora,
sola,
guarda il mondo,
seduta sotto ad un albero
e resta in ascolto.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

L'albero mestamente si metteva a parlare
una Rosarossa pensierosa stava ad ascoltare
chissà cosa mai avrà l'albero da dire
ma .. quatto quatto vado ad origliare.

Ciao Ricciolona
tuo dispettosissimo
Luigi

il 17/03/2002 alle 18:40

E' questo che è importante, Ester: saper ascoltare, ma saperlo davvero, non a parole, che ingannano te stesso e gli altri. La tua disposizione d'animo di abbandono e non partecipazione lascia appunto aperta una porta, ascolta il tuo cuore e troverai la via...
Ciao
Axel

il 17/03/2002 alle 20:30

L'albero non mi ha visto affatto
silenzioso mi muovo, mica son matto,
sarò più silenzioso di una piuma
e ... ti romperò i ...più di prima.

Tuo acidissimo
Luigi

il 18/03/2002 alle 00:11

Sono molto tristi le tue parole ma lasciano un segnale tangibile di speranza.
Ti vedo attenta ad ascoltare sotto il tuo albero in attesa di voci amiche che possano darti la serenità che in fondo ognuno merita dopo tanta sofferenza.
L'attesa è sintomo di speranza e non di rassegnazione.
Spero che quest'ultima sensazione prevalga e ti accompagni lungo viali in cui potrai veder passare quegli alberi.
Un salutone ROSA!!!!

il 18/03/2002 alle 19:13

Ciao Ester è un po che non ci si "legge" complimenti per la nuova poesia, ti volevo chiedere, che cosa rappresenta per te questo "albero" figura ricorrente nelle tue poesie.Magari dico una str...è forse tuo padre?P.s.forse vaneggio non farci caso ciao a presto.

il 19/03/2002 alle 21:36