Pubblicata il 22/03/2005
Ecco,
usciamo da qui.


La vita,
fuggiamo,
che è incerta,
vedi, anche
se tanto l'amiamo...


Ecco, fuggiamo.


Forse,con te
non potrei vivere
perchè viva sarei,
e tu lo sai...


ma neanche morire,
ed anche questo tu sai..
perchè Essa è certezza.
E' pura e bianca.
e le mani mi stanca.


D'incertezza viviamo.


Ecco, vieni,
da qui usciamo.


( ma dove fuggiamo? )
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Io propongo il paese delle anime pure e semplici.
Un ciaoooooo e un beso
Cesare

il 22/03/2005 alle 12:50

dove fuggiamo?
dove ci rifuggiamo?
da cosa scappiamo..se ci amiamo?
andiamo al cinema..paese d'illusioni..
al teatro posto di passioni..
all'osteria? è meglio ...
pirro

il 22/03/2005 alle 12:54

La domanda finale è lunga una vita!
Un posto ci sarebbe dove andare.
Ma solo dove si è felici almeno in due.

il 22/03/2005 alle 14:50

poi mi spiegherai dove pensi di trovarlo, he?
si si
ciaooooooooooo
Lunè

il 22/03/2005 alle 16:12

mhhhhh
e se andassimo invece sulla luna?
saremmo finalmente in pace, non credi?
il razzo delle sei...o l'astronave delle 12,46?
fammi sapere , neh ?
saludosssss
:-)

il 22/03/2005 alle 16:48

ma tu senti quersta cosa va a pensare
hahahahah
bacitossss
Luna

il 22/03/2005 alle 17:01

sei un grande, Vitale
smackkkkkkkkkkkkkkkk
Luna

il 22/03/2005 alle 17:03

..io son già partito..di testa!
se vuoi raggiungermi...sai dove trovarmi..
c'è un asino che parte alle 6,00 domani
lassù sui colli in agroturismo...
ti aspetto..
ciao luna roby

il 22/03/2005 alle 17:56

mhhhhhhhhhhhh
io adopero un'altro mezzo di locomozione
lo snow ..la tavola da sci
se ritorno intera ce vedemu
sennò
cu fù?
nun ce vedemu più
:(

il 22/03/2005 alle 18:22

simpatico componimento...;)

direi che è una canzone che racconta una complicità .. un amarsi profondo che pone le assurdità della vita come possibili se al fianco nostro abbiamo il ns amore ...

in questo componimento ritrovo un agurzia fantastica perchè è vero che esprime il superamento dell'impossibile, ma è di doppia entità, perchè un espressione dice: "dai, nn ti preoccupare, vita e morte insieme sono eterni" nell'altro modo: "questo accade per l'Amore, ma sventurati quelli che non lo conoscono, perchè tutto quello che faremo noi assieme, codesti lo faranno da soli" ....

l'incertezza è un'altra bella questione....secondo la concezione talmudica del primo secolo, l'incertezza è il numero di possibilità e di scelte in nostro possesso per compiere la volontà del Signore...in altri luoghi più orientali, nell'incertezza ritrovano il superamento della coscienza...e questo in altre parole significa che chi cavalca l'incertezza è colui al quale niente viene nascosto...

per quanto riguarda il lato personale, vedo con chiarezza le opere che ti rappresentano in questa mutazione che stai vivendo, e quelle che ti rappresentavano 3 anni e mezzo fa...e questo lo posso dedurre per esperienza personale, perchè anch'io un tempo cercavo una rima che poi rendeva rimbalzante la poesia...;) nn si riferisce a questa!

l'oriente è un mondo nuovo per l'occidentale, è come aver vissuto dei secoli che l'immagine di Cristo morto in croce, e poi d'improvviso aprire gli occhi e vederlo nel Kashmir vivo e vegeto mentre insegna ai suoi figli....questo come esempio...l'importante è sapere che nell'oriente vive la bellezza Superna, e che non è vero che tutto deriva da lì, perchè come il mondo ha generato in ogni parte del creato, così ogni parte ha una sua rivelazione...che in soldoni sembra diversa per impostazione, ma che tende ad uno stesso fine.

fuggire poi mi rapisce l'attenzione in fine al commento...in questa frase la poetessa rappresenta la realtà quotidiana, fatta da bambocci che ti vogliono aprire gli occhi quando loro stessi hanno una trave che li accieca.... il superamento della poetessa in questo frangente ironico, mostra l'esperienza più volte consolidata che ciò che è stato detto è Amore puro, ma che il più delle volte è disillusione....credo che la domanda sia concepita in prima persona e quindi rivolta, nn solo al suo amante ma anche a tutta la categoria degli uomini come per dire: "dove fuggo con te, se non sai neanche tu dove andare???"


ciaoooo

ely

il 22/03/2005 alle 19:17

Non si fugge da se stessi... Bella poesia!
:-)

il 22/03/2005 alle 19:32

corri corri ... mha! ovunque e dovunque .. sempre per sempre ... è splendida ...

il 22/03/2005 alle 21:12

wowwwwwwwwwww
commento da vero critico
grazie!
buon<a giornata

il 23/03/2005 alle 11:16

grazie, come stai, tutto bene?
:-)

il 23/03/2005 alle 11:19

ma a chi dici, a me o a lui?
:-)

il 23/03/2005 alle 11:20

sei davvero cara..un bacio, stella!
Luna

il 23/03/2005 alle 11:27

Ciao! Tutto bene! Ora che c'è il sole! Il lavoro purtroppo mi sommerge fino alle orecchie!!! E tu? :-)

il 23/03/2005 alle 12:34

non un critico luna ma .. un solo un giovane poeta dell'Anima ...

abbia una buona giornata .. ;)


il 23/03/2005 alle 13:17

a c'è qualcuno che sa fuggire
senza cacciarsi in guai
da cui fuggire?

Posare i nostri petali
aperti tutti insieme
forse qualcuno dall'alto
li vedrà d'un solo fiore.

e la sua gioia di riflesso
ci basterà.

:-))

il 23/03/2005 alle 15:43

critico inteso nel modo migliore....giovane poeta dell'anima...spero adesso tu abbia capito il senso, che era di apprezzamento
ok?
saludosssssss

il 23/03/2005 alle 16:57

fuggire richiede uno stato d'animo che non comprenda la pazzia, senno sarebbe inutile e dannoso....
:-))

il 23/03/2005 alle 17:02

io vado a strattoni, talvolta ne ho tanto che supera le orecchie..e talvolta ozio...
questa settimana è duretto però..
torni a casa per la pasqua?

il 23/03/2005 alle 17:05

certo che sì! Non vedo l'ora di sentire un po' di confusione italiana!

il 23/03/2005 alle 23:55

dipende quali mappe la vita ti mette sotto gli occhi e da dove ti fa partire. Lo so che voler tenere sotto controllo molte cose, ci rende meno ansiosi e più predisposti ai cambiamenti, ma in genere è legato alla paura di lasciare ciò che orami s'è fatto nostro, nel più profondo di noi stessi. Io, per esempio, credo di non esserne capace, a meno di una fortissima e ingestibile emozione esistenziale. Non si può mai sapere la vita che cavolo ci combina.


ti abbraccio ;-)

il 24/03/2005 alle 08:45