Utente eliminato
Pubblicata il 14/03/2002
Oh, i miei sogni!
Erano come fiori finti che nascondevo
sotto l'erba del mio giardino
già fradicia di pioggia e li dimenticavo.
Erano così pochi i fiori veri
e non li distinguevo,
li confondevo sempre con i sogni.

Ora che il tempo avanza inesorabile
come la macchina che trebbia il grano
e sferraglia senza pietà,
no, io non potrò sognare!

Raccoglierò i miei sogni
come fiori di carta sgualciti e impolverati
e li chiuderò nel cassetto più nascosto.
Butterò la chiave per non aprirlo.

E tu sai che ne terrò soltanto uno,
dei miei sogni: questo amore.
Io non vorrò sapere, non m'importa
di capire se il sogno che mi resta
è un fiore o un coriandolo di carta.
Sarà soltanto quello che puoi darmi.

Io curerò il mio amore
come un vaso di viole,
lo innaffierò con l'acqua del mio pozzo;
solamente il tuo sole lo farà fiorire.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)