PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 01/03/2005
Dint’ ‘o vico ‘na matina
me scetaje ‘na canzona, (svegliò)
cu ‘na voce argentina
ca pareva ‘e ‘na guagliona.

‘Stu mutivo doce doce
me mettette ‘e buon umore,
e penzaje ca ‘e chella voce
me putevo ‘nnammurà.

M’affacciaje a ‘stu balcone
e vedette ‘e trezze nere (trecce)
d’’e capille d’’a guagliona,
me trasette ‘int ‘e penziere.

‘Na vucchella rosa rosa (boccuccia)
e duje uocchie a carbunella
immagginavo chesti cose
pe’ ‘na voce comm’ a chella…

Se giraje tutt’a ‘nu tratto
cu’ ‘na faccia rattrappita,
‘nu dulore dint’ ‘o pietto:
“Comm’è brutta chesta zita!” (zitella)

Ma che scherzo fa ‘o destino,
chesta racchia ch’è zitella
canta comm’ a ‘nu viulino
‘na canzona: Reginella.

E Rusella d’ ‘a Duchesca,
ch’ è la mia fidanzata,
cu’ ‘a vucchella sempe fresca
tene ‘a voce d’ ‘a dannata. (ha)


  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

antò..ma quann' vasi a vucchella ra 'nnamurata toia
na senti chilla musica...senti 'na musica cchiù vella!
ti'nne futt' e ..."Reginella"
pirro

il 01/03/2005 alle 21:49

..mi ha fatto sorridere la tua poesia...un commento buono per Rusella d'a Duchesca... ..Ah!,dimenticavo..ma alla duchesca c'è ancora il mercatino rionale?...sai sono passati tanti anni,dacchè venivo a Napoli!....Un caro saluto
dalla tua compaesana.

il 21/03/2005 alle 21:34