Pubblicata il 24/02/2005
La notte intimoriva i soldati

La notte intimoriva i soldati e nelle trincee, umane e desolanti grida assordanti.
Gli uomini non capiscono, non capiranno mai, il valore supremo della pace.
Qualcuno ad un tratto alzò la voce in segno di disperazione più che di autorità.
Era il segno dell’impotenza umana, era il segno del deserto di valori.
Uomini sgomenti, testimonianza nelle facce terrorizzate dei codardi,
Testimonianza nelle facce terroristiche negatrici del rispetto alla vita.
In nome di che cosa si muore? Nell’ora dei fucili spianati, nessuno ha più
Il coraggio di ammettere che la vita è banale, sacrificata com’è sull’altare delle fredde ragioni Umane. Così fu, l’uomo perse per sempre. La notte disse ai soldati che non c’era più niente da Fare: l’apocalisse dei popoli era cosa compiuta.


Note: mai dimenticare il valore
della pace

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Sì, mai dimenticare il valore della pace... la guerra nasce dalla paura, la paura dall'ignoranza, e questa nasce dal non amore...
Un abbraccio
Axel

il 25/02/2005 alle 11:16

uno splendido messaggio. Mi ricorda un po' una poesia di Ungaretti. Se solo davvero le persone capissere che valore ha la pace, quanto è più duratura una tregua ricavata dalle parole di una dettata dalle armi. Tutto quel sangue e quel terrore, i giovani appena affacciati alla vita morti per cosa? Per un ideale? No, solo per il potere.

il 25/02/2005 alle 14:35

..ma il cielo è sempre più blù...
perchè si dimenticano gli orrori delle guerre e delle morti!?
hai messo bene in risalto il valore della pace
paisà ti abbraccio
roberto

il 25/02/2005 alle 14:35

si muore,perchè c'è chi ha brama smaniosa di potere,si muore perchè si dimentica di amare, si muore perchè l'egoismo regna, perchè poi la guerra trasforma l'uomo in bestia..si muore...ma perchè si muore?

e si continuerà a morire senza un perchè sapere
e questo mi fa rabbrividire..
ciao Giugiù, buon fine settimana

il 25/02/2005 alle 19:16

Si muore per mancanza d'amore.In tutte le forme.
Molto forti i tuoi versi GiùGiù. Mi hai dato la scossa.
Baci
MTA

il 25/02/2005 alle 19:40

AVETE COLTO AMICI MIEI IL VERO SIGNIFICATO DI QUESTA POESIA. E' VERO CARA ELAINE, MI SONO ISPIRATO ALLE POESIE DI GIUSEPPE UNGARETTI. POESIE CHE PARLANO DI GUERRA, DI MORTE E DI UN CU0RE CHE E' IL PAESE PIU' STRAZIATO. HO SCRITTO QUESTA POESIA IN UN PERIODO DI RILFESSIONE SUL VALORE DELLA PACE. D'ALTRONDE HO VOLUTO RAPPRESENTARE IN QUESTA OPERA LA GUERRA SENZA RAGIONI ETICHE, SE NON APPUNTO, LE FREDDE RAGIONI UMANE. L'ODIO NON SI GIUSTIFICA...NE ADESSO E NE MAI. IO PERO' CONDIVIDO IL SENSO DI UNA LOTTA ARMATA SOLTANTO DI FRONTE ALL'IMPERATIVO ETICO DELLA DIFESA DEI VALORI DI UMANITA'. COSA FU LA SECONDA GUERRA MONDIALE? SE NON UNA LOTTA TRA CHI VIOLAVA DETERMINATI VALORI UMANI E, CHI INVECE, LI DIFENDEVA, LI SOTENEVA, FINO AL SACRIFICIO DELLA PROPRIA VITA UMANA. ECCO, NOI DOBBIAMO ESSERE CONTRO LA GUERRA MASCHERATA DA NOBILI INTENTI CHE IN REALTA' SERVE PER SCOPI CINICI, DOBBIAMO RIPUDIARE LA GUERRA FATTA A DISCAPITO DI ALTRE POSSIBILITA' DI RICOMPOSIZIONE DI INTERESSI. ED E' PROPRIO LA GUERRA INGIUSTA CHE HO VOLUTO CONDANNARE IN QUESTI VERSI. MENTRE NON POSSO NON ESSERE CONTRO QUEI PACIFISTI CHE C'E' L'HANNO SEMPRE CONTRO LA GUERRA. AHIME' A VOLTE CI E' NECESSARIO DIFENDERCI. FORSE QUALCUNO DIMENTICA L'OLOCAUSTO O IL RUANDA, O ANCORA, LA EX IUGOSLAVIA. SONO CONTRO LE GUERRE INGIUSTE, SONO PERO' PER QUELLE AZIONI ARMATE IN FAVORE DEI VALORI VIOLATI E DELLA DIFESA DEI DEBOLI. OGGI DICIAMO GRAZIE AI NOSTRI NONNI CHE COMBATTERONO CONTRO IL NAZIFASCISMO...NON DOBBIAMO DIRE GRAZIE A CHI INVECE ANCORA ADESSO FA GUERRA CON FALSE RAGIONI E PER NASCONDERE LE FREDDE RAGIONI.

il 25/02/2005 alle 20:25