Pubblicata il 19/02/2005


Sóp’a stu munne stanne
kòse bbèlle ka l’ucchje te jènghene.
Ssckitte vune, pèrò, ‘a prjèzze te dace:
‘a ‘mmòre ka mbitte a ttè stace.
‘A prjèzze i rareke suje téne
nd’u cchjù ffunne d’u kòre,
è ttu a l’avete l’haja arrejalà
ndà òggnè mumèmde è òre.
Kuann’a ttè vvecine vune bbune stà
chjìne de prjèzze se sendarrà;
kuanne n’ajute arrejale
a kki abbesuggne ne have,
kuanne sutesfatte te sinde
a ndò l’avete pretése hanne,
kuanne saje rire è ppurdunà,
tanne ‘a prjèzze dind’a ttè stà.
‘A prjèzze nenn’éje ‘na kòse kè haje
d’è kòse bbèlle kè ò’ munne stanne,
ma depènne d’ò bbéne kè dà saje
è dda kuille kè l’avete a ttè danne.


Su questo mondo ci sono
cose belle che ti riempiono gli occhi.
Solo una, però, la felicità ti dona:
l’amore che nel tuo petto hai.
La felicità le sue radici tiene
nel profondo del cuore,
e tu agli altri la devi donare
sempre, in continuazione.
Quando vicino a te uno sta bene
pieno di felicità si sentirà;
quando un aiuto dai
a chi ne ha di bisogno,
quando ti senti soddisfatto
dove gli altri avanzano delle pretese,
quando sai ridere e perdonare,
allora la felicità in te sta.
La felicità non è una cosa che ottieni
dalle cose belliche al mondo stanno,
ma dipende dall’amore che donare sai
e da quello che gli altri a te danno.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

si nu piezzo e core....!che tà già ricere...
complimenti assaje....un abbraccio

il 19/02/2005 alle 15:51

Ti ringrazio per i complimenti. Credo che un po' tutti noi sentiamo dentro quel sentimento che ci affratella e che è l'amore. Solo che non sempre riusciamo ad esternarlo. Salutissimi. Pasquale

il 21/02/2005 alle 12:05

Caro o cara Lambert i sentimenti espressi in dialetto, a mio avviso, sono i più efficaci e sinceri perchè la parola dialettale non è ambigua come quella della lingua madre. Mi auguro che anche le prossime ti piacciono Un abbraccio. Pasquale

il 21/02/2005 alle 12:07