Pubblicata il 25/01/2005

Sacro e profano
del Cammino il profumo
che d'incenso m'inebria.
Punta affilata e rovente
s’insinua nel gaudio
a conciliar le pene
e turgido il respiro
nell'oblio si perde.
M'arrendo a tal desio
che d'immutato sospiro
si concilia al vento
e d'Illuminata veggenza
nel marmo il simbolo
di Nobile ricerca.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Particolarmente influenzato dalle ultime letture mescolando una opera artistica del Bernini "L'Estati di Santa Teresa" e alcuni simboli sparsi qua e la per la città dei Papi!
Un bacioneeeeee

P.S. salutami bel gran bel Cocco di Andrea!!!!!

il 25/01/2005 alle 20:12

si vero una mescolanza di sensaziooni influenzate da alcune letture a dir poco sconvolgenti.
T'abbraccio mia amica di calde terre....(anche se fa freddo anche da te....ehhehehe)

il 25/01/2005 alle 20:28

é simpatica certamente,ma il linguaggio usato è defunto...tu pensi che la poesia sia "morta"?se è così allora condivido questo linguaggio!Sennò,credo che non si possa considerare la poesia un giochetto in rima...scusa per la durezza del commento,ma non voglio essere ipocrita...comunque ripeto che è carina,in quel contesto di quello stile.ciao
Ale

il 25/01/2005 alle 20:53

prego...anzi ti ringrazio del commento e della sincerità...ma vedi tu parli di giochetti e di rime quando assolutamente non ce ne sono,
nonché di morta poesia in relazione al linguaggio quando il tuo è un personalissimo parere...che come tale accetto...
Questa poesia nasce dall'influenza di alcune mie ultime letture e sull'interessamento personale di alcune sculture di magistrali maestri del tempo le quali come spesso accadeva erano pregne di simboli e significati celati. La mia è soltanto una libera personalizzazione di tutto ciò,
e credo,
permettimi,
di non aver fatto alcun giochetto.

Dimenticavo: grazie anche per il "carina"...e "simpatica"!..

il 25/01/2005 alle 21:07

L'ho letta ancora una volta e ho letto il mio commento che è stato troppo duro rispetto al vero valore della poesia.La tua spiegazione mi sta bene,credo che i significati sono poco celati o meglio sono malcelati,quel ritmo che hai dato e quelle assonanze distraggono dal mistero.Scusami per il commento di prima non ho espresso bene il tono,non era acido tipo:"Carina!" e "simpatica!"...ma era sincero,ho sbagliato completamente il tono...anche se il senso rimane...quello stile non mi va giù..non mi considerare il professorino di turno...luuuuungi da me.Ciao..ancora scusa per prima
Ale

il 25/01/2005 alle 21:34

;-)
M'

il 25/01/2005 alle 21:39

Rinascimentale nei toni e nei ritmi!
Ben ritrovato, caro M!
Furoreggia la battaglia e sventola il vessillo noir?
Un caro saluto
Er

il 25/01/2005 alle 22:11

un filone che m'appartiene...
non posso che farti i miei complimenti :-D

ciao pirata! saluti alla tua signora....

ac

il 26/01/2005 alle 05:58

Mi inserisco per salutare Marco ed Urlo ed approvare il Vostro confronto, civile educato e critico.
Bravi così ph vive.
Ciao Umberto

il 26/01/2005 alle 09:09

mi associo al commento di nemoprefeta aggiungendo una liricità del verso ben sentita e strutturata. Mi piace molto

ciao

Valter

il 26/01/2005 alle 09:21

Una lirica senz'altro particolare, originalissima nello stile e nel contenuto, a mio parere assai riuscita...
complimenti a te e un salutone
Michele

il 26/01/2005 alle 16:07

..ed io sempre nella civiltà mi ci tuffo...tu lo sai!
Un caro saluto carissimo avv.!!!!!

il 26/01/2005 alle 19:56

cerrrtoooo quello sventola sempre...
;-)
M'
Un abbraccio Er con la speranza di bere ancora insieme un buon bicchiere di sano nettare!!!
M'

il 26/01/2005 alle 19:57

grazie alba chiara, in effetti non dovremmo mai perderci nel Cammino ma spesso accade di cadere nell'Estasi del vento....per cui......!!!!
Un abbraccio AC!!!
;-)
M'

il 26/01/2005 alle 20:01

grazie carissimo valter un piacere trovarti nei miei versi!
;-)
M'

il 26/01/2005 alle 20:03

ti ringrazio del gradito commento. Poesia scritta ed influenzata da alcune ultime letture su scultori ben noti e congregazioni segrete.
L'estasi è "L'Estasi di Santa Teresa", una scultura del Bernini di cui,
seppur io non abbia ancora potuto vedere con occhi,
mi ha impressionato per la descrizione di alcuni critici che l'hanno definita erotica e pensare che il Bernini ha lavorato alacremente soltanto per la Chiesa....

il 26/01/2005 alle 20:09

poesia bella e ricercata da uno che di versi s'intende...è la prima volta che ti commento (?) e
apprezzo molto le tue poesie!
complimenti pirro a piratastro...

il 26/01/2005 alle 21:21

....scusate se mi inserisco in argomento...anch'io mi son permesso di "criticare" una poesia di Serafico di cui apprezzo il valore poetico e umano...
forse sarò stato "antipatico" ma dalla mia critica è nata una vera discussione tra poeti che penso abbiano accresciuto anche il loro valore e lo spirito in cui uno si pone...mai per giudicare! ma per confronto...poetico...letterale...di rima...di ritmi...
di piacere...(c'è a chi piace e chi ha il coraggio di dire: mha!?...scusate il disturbo salutoni
pirro

il 26/01/2005 alle 21:29

nessun disturbo pirro sono pienamente in sintonia con te!
Guai se mancasse tutto ciò!
;-)
M'

il 27/01/2005 alle 17:46

io ti ringrazioo vivamente per le belle parole e per la prima (?) visita.
Grazie ancora anche per la puntualizzazione precedente che ho condiviso totalmente...
Un saluto a te!
;-)
M'

il 27/01/2005 alle 17:48