Pubblicata il 21/01/2005
Ci sono vite stonate
che sfumano oscillando incontro
a cieli senza stelle
e di nuvole scure allestiscono i loro soffitti.
Altre invece si rafforzano
come memorabili canzoni,
ma che di canzoni vivono
mischiate in nostalgiche note di fine stagione
e di malsane strofe
tralasciano gli strascichi.
Erranti i marciapiedi
su cui i passi ovattati
s’intrecciano a voci confuse,
sfuocate,
lievi,
inebriati da sottili polveri di luce purpurea
a rifocillare il viaggio
o soltanto ad indicare la retta via.
È un viaggio,
un lungo viaggio
in cui è probabile sentirsi spaesati
ma dove è necessario affilare le unghie
ed intonare cori per ritrovar melodia
d’una vita intonata.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

ecco il grande poeta della vita che plasma il suo sentire di verità poetiche, ciao Marco, un grande sorriso..Luna

il 21/01/2005 alle 15:49

Parlando di intonazione,è inutile attendersi da te "stecche" .
Sempre azzeccati e morbidi come abiti su misura i tuoi versi.
Veramente bella.
Un saluto sincero.
nicky

il 21/01/2005 alle 15:59

suvvia mia cara Lady, addirittura "grande poeta della vita"...
che vuoi farmi arrossire?
ecco vedi!????....sono tutto in fiamme.
Ti abbraccioo dolce Luna e ti ringrazio per il commento gradito!
M'

il 21/01/2005 alle 17:40

carissimo!!!!! Ben ri...trovato! Era un po' che non ci si vedeva!
Ti ringrazio per il "sarto"...ehehheheeh
Un buon sorriso a te!
;-)))))
M'

il 21/01/2005 alle 17:41