Utente eliminato
Pubblicata il 18/11/2004
Silente
la chiara trasparenza
di questo cielo
di novembre dolce,
pioggia d’azzurro
ferisce lo sguardo
di mille stille purissime,
odore di pioggia
investe di umidi sogni
ogni senso
che brama soffio vitale.

Rose fuori stagione
pungono oggi
di spine aguzze
l’immobile giorno
sospeso in un fiato
di sole inatteso.

Impreviste volute di fumo
si annodano strette
a profumo
di legna che brucia

mi assale ricordo
improvviso...

odore di mosto pungente
e te, custodito nel caldo
di un rosso maglione..

E lo sgranarsi calmo
di un lento rosario di giorni
scolpiti di magia


  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Mi alzo la mattina, vado al lavoro e leggo questa splendida poesia, maliconica si, ma molto toccante.

Baci
Fra

il 18/11/2004 alle 09:36

Bella poesia... immagini e odori che arrivano al cuore...
ciao

il 18/11/2004 alle 10:16


cara Tina mi piace molto il contenuto di questa poesia,un pò meno il "vestito",é forse novembre (la nebbia e la pioggia) un mese di ricordi ?
un Abbraccio
Anto

il 18/11/2004 alle 17:46