Pubblicata il 04/11/2004
C’è sempre qualcosa
che rimane sui luoghi d’addio.

Una foglia gialla
che volteggia su nubi sospese.

Una distesa di semplici parole
da assaporare nelle arsure.

Un soffio di gelido vento
che s’incastona nei vergini capelli.

C’è sempre qualcosa
che rimane nel cuore
dai luoghi d’un addio,
e stavolta l’addio
ha un acre sapore
che brucia foglie
e lascia vuoto il boccale
dell’insipida emozione.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)