Pubblicata il 17/09/2004
Una sera d'agosto in un giardino
ho conosciuto un angelo,
un angelo di nipotino
dolce come il miele e bello come il sole
quell’animo dolcissimo sgorgava amore

Nonnina, m’appellava
mentre le fiabe io narravo
e delle mie parole si beava,
nonnina disse a un tratto
con quegli occhion dorati
che s’eran stranamente rattristati
“io non ti conoscevo”…
mi disse a bruciapelo

Rimasi esterrefatta, senza parole
ma la sua mente fresca e delicata
una domanda nuova
già s'era preparata

Nonnina, disse ancor
perché sei senza genitor?

Del tutto impreparata
risposi imbarazzata…
Amore mio, non so
però ho te che mi riempi il cuor
e le mie bimbe che sono il mio tesor

ma lui, dall'alto della sua freschezza
ingenuità e naturalezza
guardandomi negli occhi disse ancor…

Nonnina cara
se la mia mamma abita con me
e l'altra tua bambina con "Al" é
quando a Milano ritornerai
da sola sempre tu sarai…….

Io mi sbiancai da tanta intelligenza
lui che non sa e mai dovrà sapere
ha colto in pochi giorni quel volere
che questa vita mi ha inflitto anni fa.


  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Deliziosa e tenerissima, la poesia e la tua matura, amorevole, disposizione di spirito.
Un bacione e un abbraccio, Betty!
Max :-)

il 17/09/2004 alle 12:53

grazie max...sai e' davvero un bambino molto sensibile e intelligente.... La sua testolina di 6anni comincia a chiedersi, e forse a capire, come mai questa nonna l'ha conosciuta solo ora....come rispondergli?

il 17/09/2004 alle 13:53

non sarai mai sola....
i figli e i nipoti compenseranno il tutto.
soprattutto con un nipotino così!

abbraccio
pat.

il 17/09/2004 alle 16:24

In teoria hai ragione, purtroppo in pratica ahimè non e' proprio così, purtroppo. Comunque con un nipotino così posso affrontare qualsiasi cosa.
Ciao e grazie

il 17/09/2004 alle 17:15