Pubblicata il 19/06/2004
Un tale mi disse

"La tua poesia non può essere ascoltata
sennò diventa un poster alla parete
immobile, senz'anima.
Lascia che io legga
in silenzio le tue poesie
affinchè nel mio giardino
sboccino fiori odorosi
o spine pungenti
trafiggano i miei occhi.
Ogni parola si distribuisca in me
pronta ad accoglierla
ed ogni suono abbia un colore diverso
agli occhi miei.
Così ogni volta
che richiamerò un ricordo, un'emozione
leggerò i tuoi versi
in silenzio
e nuove gioie
o nuovi tormenti
scroscieranno nelle mie vene.
Ecco, non rendere le tue parole
prive di vita
non appenderle alle pareti
prigioniere in una bella cornice
ma lascia
che ognuno ne colga un segreto"
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Coglierne un segreto???? Che ci starebbero a fare
sennò i poeti che sono "megafono della vita"?
Ciao,
Vitale

il 19/06/2004 alle 23:03

Su questo si potrebbe discutere a lungo, il poeta non deve interpretare e raffigurare, la poesia non è qualcosa di finito ma di infinito e l'infinito lo si può solo immaginare ed è diverso per ognuno di noi, quindi il compito del poeta è aprire nell'altro uno spiraglio, una breccia verso l'infinito spaziale e temporale per uscire da un mondo "troppo" definito. Non sei d'accordo?
Bacioni
MR

il 19/06/2004 alle 23:10

...per me la poesia è un bel dialogo
anche fra muti sordi e ciechi
ma con un cuore che sentono pulsare intorno

L.

il 20/06/2004 alle 08:56

Caro Luigi, mi è capitato di rileggere delle poesie e coglierne degli aspetti nuovi ogni volta. Sono creature vive che si modificano a seconda della nostra apertura d'animo. Grazie del tuo commento a me sempre molto gradito!
Bacioni
MR

il 20/06/2004 alle 15:19

Grazie per il bellissimo commento di cui condivido il pensiero. Chi ama la poesia sa che non può essere vincolata ad un codice ben definito ed a una logica di interpretazione fissa: è una finestra dalla quale ognuno coglie ciò che è disposto a cogliere, liberamente e la grande poesia è tale quando riesce far vedere nuovi orizzonti...
Un caro saluto e piacere di averti "incontrato".
MR

il 20/06/2004 alle 15:25

E' saggia la persona che ti ha detto queste cose, perchè secondo me sono la quintessenza della poesia. Un caro saluto a te.
Michele

il 20/06/2004 alle 16:44

In realtà sono io che volevo dirlo a voi e sentire il vostro parere.... e, come al solito, ho trovato molti amici che la pensano come me!
Un caro abbraccio
MR

il 20/06/2004 alle 21:44

Grazie per aver compreso il messaggio e soprattutto condividerlo...
Un caro saluto e a presto!
MR

il 20/06/2004 alle 21:46