Pubblicata il 06/04/2004
enorme bocca
la notte
spettri i giorni
passi senza impronta
in giallo deserto
xdute le risa
inutile splendore
di fiori sbocciati
in colori
assurda enorme luna
appesa sulla collina
illumina troppo
l'acido
gelo
del nulla
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

breve e diretta questa tua composizione.... e quando ci si sente soli....l'acido gelo del nulla lo si avverte ancora più bruciante di sempre....

Un abbraccio
Mary

il 06/04/2004 alle 09:56

poesia visiva dai toni accesi e molto toccanti! Investe con le immagini e lascia un riverbero di idee nel cuore!
Un saluto.

il 06/04/2004 alle 11:08

Stasera guardando la luna tra i pini di castel fusano pensavo prorprio a te. Per quanto riguarda la x messaggio per la sorellina indica la fretta e la necessita' di uscire da una situazione...
bacissimo e bentornata umb

il 07/04/2004 alle 02:30

Grazie Mary
un bacio
f.

il 10/04/2004 alle 18:03

dai scrivimi e raccontami le coincidenze se te le ricordi ancora ..son passati un pò di gg
baci pasquali
f.

il 10/04/2004 alle 18:04

Grazie tante x il bel commento!
Salutissimi

il 10/04/2004 alle 18:05

ero oltre le convenzioni scrivendola ed è passato l'x
immagino tu passeggiante a parigi ??!!! si???
baci pasquali
f.
(sono quelli di cioccolata e con il fiocco)

il 10/04/2004 alle 18:07

tutto detto altrove , o quasi
baci
f.

il 10/04/2004 alle 18:08

guardavamo la stessa luna!!!x me 20.20 alle 2030 comparivano macchine fotografiche ma allontanandosi dal riferimento della collina xdeva spettacolarità banalizzandosi in dimensioni.
sei in quel di Barc. ? tante tapas?
io in città deserta tutta x me
baci pasquali
quelli con stagnolavelifiocchiesorpresa
f.

il 10/04/2004 alle 18:20