Pubblicata il 17/03/2004
Giorni di vuoto,
coscienza,
cosciente fantasma sul letto

Strisce agitate,terra
al richiamo d'amore
un nuovo sapere
in assenza d'un testo

I cani per strada
hanno occhi;
nuvole fitte di fumo,
un tram fuori corso,
in misera attesa......




"da uno spunto del 1987 di Concetto amico solitario "
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

La forza intera, disarmante, splendidamente lirica, dell'umano sentimento nella sua densità cruda ed essenziale, nello spettro del reale. Profondamente coinvolgente, caro Antonio.
Un forte abbraccio.
Max

il 17/03/2004 alle 11:50

Una descrizione che ha nella straniazione la sua tecnica d'attacco(in senso buono)alle emozioni di chi legge!! Molto bella e stranamente incisiva!
Un saluto.

il 17/03/2004 alle 11:59

Immagini di grande efficacia, nelle pieghe dell'inconscio...
Un abbraccio carissimo
Axel

il 17/03/2004 alle 19:29

Ciao, antos!

La solitudine è una stanza
con una finestra.
Si sta dentro
e vede fuori.
Nessuno.
La melancolia è il compagno.
Non si vede la bellezza
della natura fuori ...
Non si vede la vita ...
Si sente triste talvolte ...

Però ci esistono anche
momenti, dovè
si sente la solitudine
come ispirazione ...

Gli uccelli nel cielo
sono i sogni ...
Le nuvole fanno un' idea
per un quadro.
Il cielo balla nel cuore ...


Buona notte!
Schakim

il 18/03/2004 alle 00:09


Dal sentire forte e un pò disperato di questo amico,ho cercato di rendere le emozioni che mi ha trasmesso sia a voce che per iscritto.
grazie per il commento Megrez
ciao
Antos

il 18/03/2004 alle 15:49


grazie cara Ale per il commento,a volte mi riesce di descrivere stati d'animo trasmessi da altri come se fossero miei (e un pò lo sono avendoli vissuti !)
un abbraccio
Anto

il 18/03/2004 alle 15:53


grazie Tina,forse per essermi trovato in questa condizione,in un determ.nato periodo della mia vita non mi viene difficile descrivere le difficoltà emozionali di questo sfortunato amico.
ricambio l'abbraccio
Anto

il 18/03/2004 alle 15:58


grazie amico mio,la vita talvolta sa essere dura con noi,pur senza eesere noi duri alla vita.
un abbraccio allargato alla famiglia
Anto

il 18/03/2004 alle 16:01


E' quello che tu dici ShaKim ed altro ancora,un brivido che ti coglie improvviso mentre pensi alla precarietà della vita
rispetto a quello che ci aspetta dopo.

un saluto
Antos

il 18/03/2004 alle 16:05