Pubblicata il 01/02/2004
Lascia che chiami
senza sapere
di aver dormito
nella casa di cristallo
mentre la notte
lontano
disperde la sua ombra
In seno all'aria
ali dorate cercano
la felicità perfetta
invano
oltre lo spazio
compreso
tra due attimi
di affanno
che mostrano
porzioni di eternità
troppo grandi
che il pensiero
non trattiene
in presenza della luce
che sfiora il viso
diafano.


(a Carla)
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

E' una poesia di quelle rare e preziose... non so come mai, ma mi ha rammentato gli interni delle grandi pitture simboliste preraffaellite... bellissima davvero, per me, per le sensazioni che ha saputo suscitarmi alla lettura. Un caro saluto a te.
Michele

il 01/02/2004 alle 12:47

molto bella,questi versi sono belli..
un salutone
Dina

il 01/02/2004 alle 23:29

Carissima, ti ringrazio per le tue parole!
ciao
Carmen

il 02/02/2004 alle 09:18

Ti ringrazio per i complimenti, dolcissima Veronica.
un caro saluto
Carmen

il 02/02/2004 alle 09:21

Riesci sempre a trovare parole bellissime per quello che scrivo. Ti ringrazio commossa
Un caro saluto
Carmen

il 02/02/2004 alle 09:25

E posso ringraziarti con un grande abbraccio per le tue preziose parole!
Carmen

il 03/02/2004 alle 09:57