Pubblicata il 20/01/2004
Mare
gerani rossi
lava
ginestre gialle.

Contrasti
mescolati
nel sangue
di una terra
da sempre
violentata.

Capi chinati
al fuoco
del sole,
alla polvere
della terra.

Ma non voglio
partire,
lasciare
quel profumo
di zagara e miele.

L'ultima violenza
sarà
amarti ancora
come sei.

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Un omaggio splendido alla Sicilia ....
ciao
carmen

il 21/01/2004 alle 10:25

Grazie per il commento....

il 21/01/2004 alle 19:41

Grazie per il commento.....

il 21/01/2004 alle 19:43

Grazie.....

il 21/01/2004 alle 19:44

Che bella, questa terra! Sento un desiderio ardente nel mio cuore ... Ti amo bella Sicilia coi frutti di limone, cogli alberi di olio ... un profumo nell' anima ... un vulcano ardente ... esplosioni nella fantasia!

Saluti
Schakim

il 24/01/2004 alle 10:22

Grazie

il 24/01/2004 alle 11:22

Leggendo questa ho scoperto che abbiamo le stesse radici.. la lava nelle vene , i colori negli occhi e la tristezza nel cuore per una terra cosi maltrattata , che spesso l'unica soluzione e scappare da lei.. resta nel cuore, ma io non la rimpiango! terra matrigna se costringe i propri figli a scappare..
M.

il 08/04/2007 alle 18:39