Pubblicata il 10/12/2003
Che bel che l'é
vardar la neu che jen dò!
E se la jen dò fisa a straze
e te vardi in sù coi oci sbarài,
te par de andar in sù,in sù,
fin sù t'el ziel;
comòde quando,
stando sòra on pont,
vardando l'aqua
che cor soto in pressa,
te par de andar in avanti
pian pianin,senza rumor,
come te fussi montà
su 'na barcheta de veludo.

I bocete fora de lori,
i taca a urlar:
"névega,névega!"
E dopo on poc,tuti insieme
come on s'ciap de osélet
fora de corsa t'el cortiu
a rodolarse te la neu.

Ma on veciot,sentà s'on schegn
co le gambe carolàe,
sòt la napa del larin,
el se scalda le man e i oss,
scolandose de gusto
'na scudela de bon vin
apena cavà dal caretél.
Po' l'impìza la pipeta,
e 'l met 'na stèla sul foghèr,
vardando le zeniz
che va su par el camin.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

chisà sel nevega
anca a Lamon....

abbraccio, molto bella...son tornata tra i miei monti!
pat.

il 10/12/2003 alle 11:53

Che emozione...leggere...Lamon! La poesia è stata scritta da mio padre che ha 91 anni..
Io ho insegnato a Lamon x diversi anni ed il mio primo marito(mancato in un incidente)...si chiamava Pante...ti lascio la mia e-mail..se vuoi..scrivimi! Flora.
floprima@yahoo.it

il 10/12/2003 alle 12:35