Pubblicata il 23/11/2003
tentacoli neri
fluttuano nello spazio
minacciosi e viscidi
raggiungono
risata di campanelle
avvolgono e strizzano
in spire di morte
lontano ogni
odore di azzuurro
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

"... cancellar potrò il tuo incubo che fluttua se una mano mi concederai, portarti lontano da qui potrò appena la luce fenderà il ghigno di quell'oscurità ormai defunta, simile adesso allo spettro di quella che fu una morte dissanguata del dolore ..."

Un Grande Abbraccio
Soll

il 23/11/2003 alle 20:02

lontano da questo che oramai è un incubo si, ma da sola voglio fare, di mani me ne è stata offerta
una di troppo .
grazie tante x la tua bella poesia
fm

il 23/11/2003 alle 20:29

lontano da questo che oramai è un incubo si, ma da sola voglio fare, di mani me ne è stata offerta
una di troppo .
grazie tante x la tua bella poesia
fm

il 23/11/2003 alle 20:30

potrebbe essere una odiosa emicrania
o un messaggio spero chiaro dedicato a qualcuno
ora sono sveglia e spero di non addormentarmi mai più!.
Ciao

il 24/11/2003 alle 10:33