PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 29/10/2003
Immagino quale sia il richiamo
della della nostalgica sostanza
per cui ti perdi nei labirinti
dello stupefacente delirio.
La tua vera casa ti aspetta
là, con pazienza infinita.
La stai cercando in tutti i modi
che conosci, in ogni angolo
d’esistenza, in ogni viaggio,
emozione e stupore.
La stanchezza ed il dolore,
questa é la loro funzione,
nel giusto momento
ti porteranno verso la soglia
di quella dimora divina,
che é sempre spalancata
per tutti quelli che l‘anelano.
Se vuoi rischia i baratri,
e fra qualche gioia,
le inevitabili sconfitte,
prova ogni gioco umano,
ma sappi che il tuo destino
in un tempo che é segnato,
forse in altro corpo,
è il ricongiungimento,
con Te stesso...
il fiume che diventa Oceano.



  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Profezia?.....Verità Assoluta!..ma il destino che porta alla conoscenza...vive il suo "tempo"....
Bella lirica...il titolo trae in inganno..ti riferivi anche alle sostanze inebrianti?...
un abbraccio ed un ciao!
ac

il 30/10/2003 alle 07:13

La ricerca dello stordimento, in ogni sua forma psicologica, compreso l'uso quelle sostanze,
é il tentativo distorto e distruttivo d'inebriarci di quel richiamo alla riunione con la nostra Essenza,
che é ineluttabile meta di ogni destino.
Ma é solo l'ascolto limpido e chiaro della Voce del profondo
che ci può indicare la strada del ritorno all'Eden.
Contento, ti ringrazio del tuo sempre gradito commento.
Un caro abbraccio
Grazie... Ox


il 30/10/2003 alle 08:58

Il fiume che diventa Oceano.....la fine di un lungo viaggio di ricerca. Complimenti per questa bella poesia, Carmen

il 30/10/2003 alle 10:12

E' come dici..anch'io ho potuto intravedere questi tranelli..e come sempre anche questi stanno a mascherare ciò che per natura siamo..ma che nessuno ci ha mai permesso di vedere, far emergere...forse lì è il tranello.. grazie a Te..ancora
ac

il 30/10/2003 alle 11:38

E' l'ineluttabile destinazione di ogni fiume: sciogliersi nell' incommensurabile, che nell'Essenza gia ora siamo.
Un grato ed affettuoso abbraccio per il commento e complimento.
Ciao
Papox

il 30/10/2003 alle 12:46

Cara Tina,
é bello riscontrare potenti affinità fra i pellegrini che s'incontrano lungo i sentieri della scalata alla cima della montagna sacra, e sulla quale le differenze dei cammini intrapresi per arrivarci non conteranno più.
Sentieri che saranno ricordati con affetto per quello che ci sono serviti, per attraversare le stagioni dell'esperienza umana.
Riconosco in te un grande ed autentico Spirito di Ricerca che, oltre renderti gia ora una bella e sensibilissima persona, Ti condurrà all'agognato tempo, appena l'ultimo residuo dell'attacamento identitario sarà lasciato alla sua morte.
Infine ti ringrazio degli stupendi commenti che generosamente mi hai regalato.
Un abbraccio di cuore
Papox

il 30/10/2003 alle 19:48