Pubblicata il 17/12/2001
A Maria Grazia
Silenzioso e soave a me discende
un gioire intenso ed impetuoso,
chè nulla può fermare
questo candido, dolce e generoso
modo d'amare e d'essere riamato.
Questa bella conferma che è vita,
mi giunge, inaspettata e gradita,
mentre penso a te, o Maria Grazia,
ed al mondo che in me s'è risvegliato.
Tempo fa, per delizia,
m'ero legato alla materia
lontano e scevro d'ogni tentazione
che avesse la parvenza di azione
volta ad esaltare il sentimento.
Oggi, notevolmente innamorato,
ti cerco, ti bramo a me vicina
e come piccola e docile bambina
ti carezzo il viso vellutato
e guardo i tuoi occhi chiari
e invoco i tuoi sorrisi cari
e sentendo un dolce struggimento,
amore invoco ed amore sento.
E ricordo quel giorno caro
che d'ogni altro ormai è il re;
giorno che dicesti:- io amo te!-
E voi o dolci muse, cantate,
cantate a tutto spiano:
- amor per Maria Grazia e Gaetano-.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)