Pubblicata il 05/10/2003
Ascolta
C'è tanta musica
racchiusa in questo piano
Se conosci bene lo spartito
dimmi se è questo il nome
dello strumento che vuoi
Riconosci con le tue dita
i miei tasti bianchi e neri
Suonami
senza sordina
dalla nota più bassa
alla cima
del mio registro
Sentirai una musica,
un'armonia
nata da perfetto accordo
come sublime sinfonia



dedicata a T.M.
*Spiegazione di "una risposta cretina"
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Carmen ho letto quanto hai scritto con attenzione per cercare di capire tra le righe, mi ha stimolato la dedica. Forse volevi dire che una lettura superficiale e una superficialità nel suonare le tue note non fa per te, ma io aggiungerei che chi vuole far volare il tuo spirito deve suonare senza spartito, affidandosi alle sole emozioni e sfiorando i tasti a volte con leggerezza a volte con intensità, e solo suonando così potrà sublimare da quel piano la vera essenza di te

il 05/10/2003 alle 11:44

Grazie per l'attenzione . Come dice la nota * è soprattutto la spiegazione di una mia risposta definita cretina , su un altro sito , dal suo alto piedistallo da una grande poetessa di cui non faccio il nome . Pensa che l'odioso dialogo si sta trascinando ancora oggi. Però mi ha ispirato questa mia e quasi quasi dovrei ringraziarla per avermi fatto arrabbiare, ma non lo farò mai.
: )

il 05/10/2003 alle 12:11

Bella e sottilmente sensuale questa tua immedesimazione in uno strumento musicale da " suonare " dalla nota più grave a quella più acuta. Mi è piaciuta. Un caro saluto a te.
Michele

il 05/10/2003 alle 15:45

E' soprattutto il lamento di un pianoforte
(che fantasia ! ) trascurato per il computer.
Ti ringrazio per il tuo bel commento e ti ricambio
i saluti : )
Carmen

il 05/10/2003 alle 16:48

I tuoi versi nascondo un più sottile messaggio sensuale....
Mi piace.
;-)

il 05/10/2003 alle 17:43

Senza la tua postilla, l'avrei giudicata in tutt'altro
modo. Mi pare invece che sia una gratificazione.
Infatti, se è dedicata a chi ti vuole bene è una cosa,
se invece è indirizzata a chi ti vuole male hai dato
prova di non risentirne.
E', in ogni caso, un suntuoso sfoggiar di parole.
Ciao,
Vitale

il 05/10/2003 alle 17:50

E' vero, può essere interpretato anche in modo diverso il lamento di questo piano trascurato per il computer.
: )
carmen

il 06/10/2003 alle 07:36

Nonostante la postilla, naturalmente ognuno può interpretarla come preferisce.
Grazie per il commento
: ) carmen

il 06/10/2003 alle 07:40

Cara Tina, hai detto bene che si presta a interpretazioni diverse. Ti ringrazio per il
bellissimo commento e smack :*
Carmen

il 06/10/2003 alle 07:46

Mi piace questa poesia.... E voglio leggerla senza interpretarla... Leggo una poesia su uno strumento che adoro e che anche io ogni tanto "torturo" cercando si suonarlo.
E voglio votarla con il massimo voto!
W la musica!
A presto
Mario.

il 15/10/2003 alle 14:21

Io sono soltanto un'autodidatta che non ha trova mai tempo per suonare
o meglio dire strimpellare il piano . Sono d'accordissimo, W la musica!
Ciao, Carmen

il 15/10/2003 alle 15:25

Io sono soltanto un'autodidatta che non ha trova mai tempo per suonare
o meglio dire strimpellare il piano . Sono d'accordissimo, W la musica!
Ciao, Carmen

il 15/10/2003 alle 15:27

Una precisazione è d'obbligo:
poesia ispirata dall' Amleto di W. Shakespeare
:)

il 13/02/2004 alle 14:43