Jul
Pubblicata il 20/09/2003
Un velo trasparente
di limpido pensiero
occhieggia
dalla scatola del tempo.
Come forziere
di smalto iridescente,
svela l'involucro,
baci di madreperla,
piega la bocca morbida
ghermendo un arabesco
al volto innammorato.
Rigano lacrime
splendide filigrane,
solcan lucenti giubbe,
palpitan viva porpora
liquefacendo
cuori di raso ardente
privati da custodie.
Nudi,
sussultan tremiti
angoli vulnerabili
di zaffiro scheggiato.
Così amore,
interseca arabesco,
dispiega la bellezza
in un panneggio tale
da velare il cielo
con un disegno raro:
l'amore universale.
Essenza supersonica
di un volo avveniristico?
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

E davvero, dell'arabesco questa poesia ha la leggerezza e la sottile eleganza. Molto bella veramente. Un caro saluto a te.
Michele

il 20/09/2003 alle 19:03

Geniale. Ecco il succinto commento al tuo modo di
fare Poesia. Eh sì, xhè qui di Poesia si tratta. Dopo
la lettura dei tuoi due trittici (non so come si dice altrimenti...mi puoi aiutare?) sul tema Magiare e Bere (le risate, sai, si sprecarono...), qui si assiste ad un tema diverso. Ecco il punto - passare con nonchalance, classe sopraffinae sapienza di mano - di come deve essere la Poesia: un omaggio a tutto.
E nelle tue poesie - gli altri non so - ma io ci ho
trovato Tutto e Tutto Bene.
Ti mando un arabesco immenso di complimenti...
Abbraccio
Vitale

il 20/09/2003 alle 23:45

E' molto bella la tua lirica..
Raffinati versi e immagini che sconfinano nell'essenza..."idealizzando" l'amore assoluto...
Un abbraccio
marcella

il 21/09/2003 alle 00:01

Mi sono perso in questa tua raffinatissima POESIA
dimostrando la tua fervida fantasia nelle descrizioni
di rara bellezza. Sei forte, Giulia!
Ciao Cesare

il 21/09/2003 alle 07:49

Non mi sbagliavo.
Voli pindarici con le ali di Fantasia, e musica a scandire le parole.
Abile pittrice di versi
Diversa abilità nelle tue rime..

Brava, resto in attesa di leggerti ancora.

Kristine

il 21/09/2003 alle 09:15

Ti commento (provo un senso di fastidio per il verbo commentare, sa di giudizio) con una domanda che mi hai posto Tu stessa, ad una mia: Quo vadis? E la Tua intelligenza saprà cogliere il significato.
Un abbraccio. Marco

il 21/09/2003 alle 13:07

... e l'eco della mia ignoranza deve fare il giro del
mondo... Scusami, non erano Trittici, ma Trilogie...
Resta il fatto che non so come si definisce la somma
di 3 trilogie + 3 trilogie!!!! Sestologia? Orrendo!
In ogni caso, grazie per le tue poesie.
Vitale

il 21/09/2003 alle 13:59

Cara Giulia, ti dirò che anch'io amo molto gli arabeschi ( mi ricordano i riccioli della mia nipotina Alessia cui ho dedicato una poesiola, da zia). Bellissima questa tua poesia dedicata al forziere dei ricordi, colmo di gemme di grande valore come i tuoi versi e il tuo amore.
Ciao e buona domenica!
Carmen

il 21/09/2003 alle 17:16

Delicati intarsi di parole che dipingono immagini bellissime, per poi arrivare ad un finale ove liberi un volo verso una visione che offre una modalità diversa di sensazione.
Un bacio
Axel

il 21/09/2003 alle 20:09
Jul

Il tuo commento mi onora sempre.
Un caro saluto,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:23
Jul

La trilogia che mi ha fatto sorridere, caro Vitale, è quella che tua hai definito "magiara". Purtroppo non conosco l'Ungheria ed altri bei paesi dell'est e soffrirò per questa lacuna se non riuscirò a colmarla.
Ti bacio forte,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:25
Jul

La trilogia che mi ha fatto sorridere, caro Vitale, è quella che tu hai definito "magiara". Purtroppo non conosco l'Ungheria ed altri bei paesi dell'est e soffrirò per questa lacuna se non riuscirò a colmarla.
Ti bacio forte,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:25
Jul

La trilogia che mi ha fatto sorridere, caro Vitale, è quella che tu hai definito "magiara". Purtroppo non conosco l'Ungheria ed altri bei paesi dell'est e soffrirò per questa lacuna se non riuscirò a colmarla.
Ti bacio forte,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:25
Jul

La trilogia che mi ha fatto sorridere, caro Vitale, è quella che tu hai definito "magiara". Purtroppo non conosco l'Ungheria ed altri bei paesi dell'est e soffrirò per questa lacuna se non riuscirò a colmarla.
Ti bacio forte,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:27
Jul

La trilogia che mi ha fatto sorridere, caro Vitale, è quella che tu hai definito "magiara". Purtroppo non conosco l'Ungheria ed altri bei paesi dell'est e soffrirò per questa lacuna se non riuscirò a colmarla.
Ti bacio forte,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:27
Jul

La trilogia che hai definito "magiara" mi ha fatto sorridere. Non conosco l'Ungheria ed i bei paesi dell'est e questa lacuna mi rattrista assai.
Ti bacio forte,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:30
Jul

Sono contenta che ti piaccia Marcella, il tuo commento per me è importante.
Un bacio,
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:41
Jul

Siamo forti Cesare!
G.

il 21/09/2003 alle 20:42
Jul

Grazie Irene-Kristine anche tu non mi sfuggirai.
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:43
Jul

Caro Marco, vado verso il cielo!
Un bacio, Giulia

il 21/09/2003 alle 20:44
Jul

Grazie, grazie, grazie,grazie,grazie,grazie,grazie,grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr
G.

il 21/09/2003 alle 20:47
Jul

Sei abilissimo nel commentare, non soltanto nel poetare.
Un bacio
Giulia

il 21/09/2003 alle 20:49

Nei tuoi versi una ho colto questa consecuzione metafisica, il pensiero sta al tempo e l'amore sta all'universo, con ciò sia che versi arabescati e sapientemente tessuti, ancora una volta non sono che il preambolo per la dua domada che nel finale
pure ne resta offuscata dal drappeggio.
Ciao Sergio

il 22/09/2003 alle 09:00
Jul

Grazie sempre a te Vitale carissimo.
Giulia

il 22/09/2003 alle 18:40
Jul

E' vero che sono belli gli arabeschi?
Un bacio,
Giulia

il 22/09/2003 alle 18:43
Jul

La consecuzione la condivido e genialoide potrebbe essere la tua interpretazione della "domada offuscada".
Bagio,bagio,bagio,
Jul

il 22/09/2003 alle 18:46

Questo è più che un arabesco Giulia... molto di più... Con leggerezza di farfalla sfiori e volteggi... tra le note della tua poesia. Anche questa la leggo e rileggo, con calma, più volte, riscoprendo ogni volta aspetti diversi. E' un inno d'amore.
Abbraccio Fabio

il 08/01/2009 alle 10:19
Jul

Sei un commentatore abilissimo e ti ringrazio infinitamente.
Giulia

il 08/01/2009 alle 20:30