Pubblicata il 23/08/2003
Cammino per strada,
visi incontrano il mio,
donne, bambini, vecchi.

I miei pensieri,
altri luoghi, altri odori, altri tempi.

L'impulso mi sorprende improvviso, trascinante.

Un viso tra i tanti, uno qualunque,
già vissuto, o bambino.

Vivo la sua vita,
sento le sue sofferenze e le sue gioie,
vedo la sua casa.

Sono suo padre, suo figlio, suo fratello.

Uno strano calore tra le costole.

Un attimo, è già alle mie spalle,
continuo, incredulo e confuso,
per la mia strada.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)