Pubblicata il 12/02/2001
Scrissi l'amore accecante nelle notti buie,
lessi l'amore di grazie ai moribondi,
portai il mio cuore nei corridoi dell'infinito.
Rubai le note più belle per fartele ascoltare,
accordai gli strumenti per suonare e fui suonato.
Se potessi un giorno ritrovare il tuo angelo biondo,
portalo nei tuoi occhi e fargli conoscere l'infinito,
insegnarli parole tue che di me fecero un Dio.
Se potessi ritrovarti tra le strade rosse e deserte,
tra le praterie dell'immortalità che uniscono gli universi,
tra la follia dei giorni dispersi.
Se potessi parlarti ancora una volta,
se potessi abbracciarti,
se potessi baciarti,
se potessi...avere te.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)