PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Utente eliminato
Pubblicata il 14/11/2001
Tu,
giovane, allegro, solare,
pieno di vita.
TU......semplicemente.
Poi è arrivata lei
la bestia,
così la chiamavamo
ricordi?
Insieme
l'abbiamo affrontata,
insieme
abbiamo lottato,
io con la mia forza
tu con tanta rabbia
e...pensavamo di vincere.
Invece
una fredda mattina di gennaio
è tornata più forte di prima
incattivita, tenace,
affamata, rapace.
E son rimasta sola
da quella mattina
a lottare contro un dolore sordo
che mai sconfiggerò.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

molto bella e commovente.
Una volta qualcuno scrisse che l'amore è
immortale e la morte è solo un orizzonte
e l'orizzonte è il limite dei nostri occhi.....
ciao Saaf un bacio
Titty

il 15/11/2001 alle 00:53

Sempre più spesso ognuno di noi è destinato ad affrontare situazioni simili, difronte alle quali impotenti rimaniamo con un unico sordo grido di perchè, e cerchiamo nelle parole uno sfogo nell'intento di capirne le ragioni. Dicono che il dolore scavi nelle persone come i buchi di un flauto e ne fa uscire la voce più melodiosa, stona come consolazione ma occorre vivere con l'impeto del fiume che va verso il mare per tornare alla montagna.
Ti sono vicina
Cristina

il 16/11/2001 alle 13:23

Conosco tanto di te ma tanto vorrei sapere in poche righe hai racchiuso l'amore vero in poche righe hai rinchiuso il dolore vero............grazie

il 18/11/2001 alle 22:39

La leggo ora , e beh , la forza che devi aver mostrato all'arivo della bestia prima , e alla solitudine poi deve averti dato un'energia che non nell'immediato certo ma nel tempo , un 'energia tale da permetterti di lottare sola contro "il figlio" di quella bestia , il dolore.
Ora la tua forza non è più solo la tua , ma si è arricchita di quella forza che ora non c'è più ma che ti è stata lasciata insieme a quel dolore che ti accompagnerà stemperandosi , diventando a poco a poco un dolce e forte ricordo , per tutta la vita.

Un abbraccio forte forte.
Claudio

il 21/02/2002 alle 17:17

....la morte è l'apice della sofferenza....tanto più lunga e atroce è la seconda tanto più è freddo, sull'anima, il soffio della prima....

Non ci sono parole...solo ciò che abbiamo vissuto!

Bella poesia...in immagini drammatiche.

Hola
Marco

il 07/06/2003 alle 22:49

...l'ho letta con le lacrime agli occhi...
un abbraccio
roberto

il 08/02/2005 alle 16:15

La tua sofferenza è diventata anche mia....

il 14/09/2021 alle 20:13