Pubblicata il 12/11/2001
I miei pensieri vagan leggeri
e si librano insieme al gabbiano che sopra la scogliera ,
plana disturbato dalla mia presenza,
timoroso do rivelare il nido che pigolando attende.

Rocce scolpite da mani giganti
e modellate con l'aiuto dei venti e del tempo,
con un'impareggiabile maestria d'arte.

Crepe nella scogliera che s'insinuano
nella terra piu' profonda
e scaturiscono colori e colori
miscelati da un'artista pazzo,
con inserzioni laviche
che paion un capriccio del vulcano,
nel magico momento della creazione.

Vegetazione che s'inerpica con follia
e profana punti raggiungibili solo con i pensieri
godendo della misera terra,
per lussureggiare poi con i colori pu' vivi,
serbando in se' il segreto della forza della vita.

Il mare fa' da corona come un'angelica aura
e s'infrange ora con violenza ora con tocco carezzevole
per rubare e restituire rinfranti i colori della scogliera.

E come un'accattivante sirena,
simpossessa della luce del sole che,
rapito dalle sue magiche note si dona.

Come un'egocentrica donna
conscia della propria bellezza,
danza sinuoso nell'intento di apparire,
offrendo i suoi ammalianti colori e trasparenze.

Con grata generosita'
rende cio' che ha preso dal cielo, dal sole, dalla sabbia, dalla roccia
e dona
dona come il piu' abile pittore saprebbe fare.

Da tempi ancestrali madre e culla della vita
e come una madre s'infuria influenzata dai venti
e come una madre s'accheta con un tenero abbraccio.

Ed ora socchiudo i miei occhi
perchè solo cosi' posso udire
non essendo abbagliata dalla bellezza
ed odo..........
odo il suo gorgogliare, il suo infrangersi, il suo mormorare,
che in ogni luogo ha una voce diversa
ed odo il vento che lambisce la costa
ed il gabbiano che con voce protesta vorrebbe
ma non osa sfidare la mia presenza
e solo quando percepisce la mia immobilita' come roccia si fida
ed i suoi piccoli vola a nutrire.

Tutto cio' è soave melodia
è magica luce per gli occhi che strega
e che nessuna ricchezza puo' compensare

Titty
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

Grazie per il commento mi lusinga il tuo apprezzamento, perche' questa è la poesia che piu' amo tra tutte.
L'ho scritta in un momento speciale e magico, durante una vacanza in Sardegna, terra che amo,
e, in questo angolo sperduto e solitario,
ma unico per la sua bellezza, dove tutto era in armonia, ed il silenzio musica.
Un gabbiano m'ha ispirata, ed il resto è venuto da solo.......
grazie ancora Titty

il 21/12/2001 alle 02:23

Stamattina sto scoprendo una Titty nuova, e come se togliessi i veli che io stesso ti ho messo, non leggendoti prima. E mi riempio di colori.

Luigi

il 26/12/2001 alle 11:22

Grazie Luigi
Sono contenta che tu abbia condiviso i colori,è cio' che con questa poesia, volevo esaltare
un bacio. Titty

il 27/12/2001 alle 02:20

é grande sapere che una poesia possa arrivare a tanto.........
Grazie Fabrizio ciao. Titty

il 05/01/2002 alle 21:02

Se fossi un pesce mi chiederei come può un essere umano ammirare così tanto "la nostra terra".
Se fossi un pesce penserei che sei una di noi: una sirena.............

Grazie
Gianni

il 06/01/2002 alle 00:58

BELLA MA LUNGA, TROPPO LUNGA

il 28/06/2018 alle 06:40