Pubblicata il 17/05/2003
Gli occhi chiusi
per fuggire il mondo
a volte troppo grande
per me alterno
cacciatore/ preda.

Lontano,
un pensiero di vetro
è un gemito/l'eco
d'un onda d'oceano
in conchiglia......

Tracce.....
(le mie) sul bagnasciuga
(nominata terra di nessuno)
dove......
sottili ombre in disaccordo,
meditano....
su tristi accordi o note di passaggio.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Ciao Antonio, rileggo dopo tempo..una bellissima tua lirica....
Quell'immaginare ad occhi chiusi...e quel sentire..che in fondo vorremmo essere ciò che non siamo capace di essere..ma credo che,importante, sia scoprire...ed accettare di essere solo ciò che possiamo essere, è un (almeno per me) esercizio bello di umiltà....e ci limita di molto lo stress..
Un abbraccio, un bacio
marcella

il 17/05/2003 alle 16:08
GAF

bella davvero come titolo mi sarebbe piaciuto frammenti prechè è proprio questo che mi ha trasmesso frammenti di vita.
Bravo
Elisabetta

il 17/05/2003 alle 23:18


Già,l'importanza d'accettarsi per quello che si é........é solo questo,un principio che in se racchiude tanta saggezza ed amore,laddove i cambiamenti del nostro essere sono umanamente/difficilmente praticabili.
Sono d'accordo,limitiamo lo stresssssssss !!!!!!
Un abbraccio
Antonio

il 18/05/2003 alle 11:02


SI,a volte io mi sento cacciatore o preda; del tempo,degli eventi,dell'inesorabile rincorrersi dei giorni,in cerca d'una quotidiana oasi di pace per me urgente.
Essere così come sono e quotidianamente sacrif.re x un bene + alto parte di me; in famiglia,al lavoro (lavoro con i matti ) nell'attenzione verso chi ha meno di me.

un abbraccio a te donna dal nickname

Antonio

il 18/05/2003 alle 11:09


Ogni tanto attimi di smarrimento sul senso della mia mia vita,io ipercritico ed a volte iper.....
grazie sorellina
riabbracci
Anto

il 18/05/2003 alle 16:52


O una vita frammentata in tanti giorni pieni di dubbi,dialogo continuo col Sé,analisi di ciò che vado facendo......,speranza
che ciò che é stato fatto ,lo sia, seguendo un pensiero più alto.
Saluti e grazie Elisabetta

Antonio

il 18/05/2003 alle 16:57